Gioie e dolori in questo per gli ex biancorossi. In un’annata che ha visto il Bari arrancare clamorosamente in campionato, c’è chi se l’è vista meglio, come Terrani, Ranocchia e Defendi, e chi invece ha passato un vero e proprio annus horribilis. È il caso per esempio di Karim Laribi, lo scorso luglio in campo nella sconfitta in finale playoff contro la Reggiana e quest’anno retrocesso proprio con la maglia degli emiliani. Un epilogo amaro per l’esterno marocchino, che dopo aver visto sfumare la B con la casacca dei galletti ha subito l’onta della retrocessione tra le fila dei carnefici dei suoi vecchi compagni.

Destino beffardo anche quello di Filippo Costa, titolare nella sciagurata notte di Reggio Emilia e ceduto qualche settimana più tardi alla Virtus Entella. Una stagione da dimenticare quella del difensore con i colori bianacazzurri, culminata con il mesto ultimo posto del sodalizio ligure. Stessa sorte è toccata al suo compagno di squadra Giuseppe De Luca, vecchia conoscenza del calcio barese che in biancorosso ha messo insieme quasi cento presenze.

A Pescara, Galano non è riuscito a salvare la categoria al club abruzzese, che dopo una retrocessione evitata per il rotto della cuffia nove mesi fa è incappato quest’anno in una stagione peggiore della precedente, conclusasi con il ritorno in terza serie degli adriatici dopo più di un decennio. Se non è un record poco ci manca per Jacopo Petriccione, che dopo essere retrocesso nel 2020 con il Lecce ha vissuto un poco invidiabile deja-vu con il Crotone.

Tra gli ex allenatori poco fortunati c’è senza dubbio Roberto Stellone, che, da tecnico dell'Arezzo, non è riuscito a evitare una beffarda caduta tra i dilettanti alla compagine amaranto, avvenuta al fotofinish durante l’ultima giornata di campionato.

Sezione: Gli ex / Data: Dom 09 maggio 2021 alle 19:00
Autore: Andrea Papaccio
Vedi letture
Print