Perdere una finale porta sempre con sé strascichi che, se sfruttati nel modo giusto, potrebbero trasformarsi in linfa vitale per ripartire al meglio e puntare dritti all’obiettivo sfuggito a 90 minuti di distanza. È questo il caso del Bari che si presenterà ai nastri di partenza della prossima Serie C coi favori del pronostico e con la consapevolezza di non poter sbagliare.

Quali i precedenti nelle ultime stagioni delle squadre perdenti in finale playoff nel campionato precedente? Partendo dal 2014/2015 troviamo il Bassano Virtus che dopo essersi arreso al Como provò nuovamente l’impresa l’anno dopo: 3° posto e fuori ai playoff al primo turno. Andò decisamente meglio al Foggia che dopo aver perso la finale playoff col Pisa di Gattuso nel 2015/2016, si rifece con gli interesse la stagione successiva dominando il campionato e centrando la Serie B.

Nelle ultime tre stagioni, non è andata bene alle finaliste playoff: l’Alessandria concluse il campionato al 6° posto e disse addio al sogno Serie B agli ottavi playoff, peggio è andata al Siena che dopo la finale persa col Cosenza non andò oltre un 6° posto e l’eliminazione al primo turno del post-season. Nella scorsa stagione, infine, furono due le finaliste per il ritorno a 20 della Serie B. Il Piacenza si arrese al Trapani ed in questa stagione al 7° posto in campionato c’è stata la rinuncia ai playoff; campionato simile per la Triestina con un altalenante 8° posto ed un’eliminazione agli ottavi.

Foggia a parte, dunque, le altre non sono mai riuscite a centrare l’obiettivo o perlomeno ad avvicinarsi dopo aver perso i playoff: c’è da dire che le compagini in questione arrivarono ad un passo dalla B da outsider o cavalcando il momento e solo i Satanelli diedero una prosecuzione seria, con Stroppa in panchina, al progetto avviato da De Zerbi. Il Bari, per non impantanarsi nelle sabbie mobili della C, dovrebbe dunque ripercorrere le gesta dei cugini foggiani.

Sezione: News / Data: Ven 07 agosto 2020 alle 21:00
Autore: Alessio D'Errico
Vedi letture
Print