Tra gli ultimi arrivati nel ritiro di Roccaraso c'è il giovane Gianmarco Cangiano. Un calciatore fortemente voluto da Polito e alla ricerca della consacrazione in cadetteria dopo le esperienze ad Ascoli e Crotone. L'ultima proprio in Calabria, dove ha militato da fine gennaio al termine del campionato. L'artefice di questo trasferimento porta la firma di Giuseppe Ursino, che a fine giugno ha concluso la sua esperienza da direttore sportivo del Crotone dopo ben 37 anni. 

Intercettato dai nostri microfoni, si è così espresso sulle caratteristiche e il ruolo del ragazzo: "Cangiano è un esterno alto d’attacco che gioca a piede invertito. Parte da sinistra ma è un destro. Potrebbe giocare anche da seconda punta ma lo preferisco sulla fascia. E’ un giocatore con molta qualità e molto interessante. La collocazione nel 4-3-1-2? Lo vedrei meglio dietro la punta".

La causa delle poche partite a Crotone: "Nel momento cruciale del campionato, quando lui stava iniziando a giocare con continuità, si è infortunato. E’ stato sfortunato. Ha fatto due partite alla grandissima, soprattutto a Vicenza fu il migliore in campo".

La figura di Polito nella trattativa: "Cangiano è un ragazzo serio, bravo e dedito al lavoro. Non avrà problemi a Bari. Polito è consapevole di queste qualità e non ha bisogno di consigli. Farà una squadra molto competitiva. Lo conosco bene, ha personalità e competenza. Ha un futuro assicurato".

Sezione: Esclusive / Data: Mer 20 luglio 2022 alle 13:00
Autore: Gianmaria De Candia
vedi letture
Print