Si avvicina sempre di più il 13 luglio, data in cui il Bari scenderà in campo per i playoff di Serie C. Per commentare le partite del primo turno e le incognite che potrebbero palesarsi è intervenuto ai nostri microfoni l'ex giocatore e poi allenatore nelle giovanili del Bari, Pino Giusto: "In genere i playoff sono un terno al lotto per tutte le squadre, ma non deve esserlo per il Bari. Abbiamo tutti grandissime aspettative, considerando l'organico importante a disposizione e la piazza che lo impone. E' l'occasione per salire in Serie B, i presupposti ci sono tutti anche se sarà difficile".

Giusto, da tecnico, si esprime sulle qualità del Bari e l'approccio da adottare: "Statisticamente le prime partite hanno detto che si segna poco, a parte il Catania che ha rimontato il Francavilla. Inoltre sarà difficile trovare squadre che ti aggrediscono costantemente e che vadano al massimo. Il Bari ha un organico importante con buoni palleggiatori che danno equilibrio, non può pensare di avere sempre due risultati su tre, ma deve giocare sempre per vincere, senza mai adagiarsi. In queste partite devi importi dai primi minuti e colui che mette la palla dentro, come Antenucci, sarà importante. Se il Bari andasse in vantaggio subito con un gol, soprattutto al San Nicola, per l'avversario sarebbe difficile poi recuperare. Tra le altre squadre farei attenzione al Monopoli, è la classica mina vagante. Ha dimostrato in questo campionato di essere una squadra molto completa e che può giocarsela con tutte".

Chiosa finale sul tema riapertura degli stadi: "Ci sono parecchie incongruenze in questo periodo. Si aprono le discoteche, si vedono sempre più spesso assembramenti. Se iniziamo a capire che dobbiamo avere anche una cultura nel comportamento, allora si possono riaprire, perché il calcio senza tifosi è uno spettacolo che zoppica. Pian piano, rispettando delle regole, si dovrebbero riaprire parzialmente gli stadi". 

Sezione: Esclusive / Data: Ven 03 luglio 2020 alle 13:00
Autore: Claudio Mele
Vedi letture
Print