“Come tutti, siamo chiusi in casa e aspettiamo che questo sacrificio personale sia ben ripagato dall’importante salute pubblica. Speriamo che la situazione migliori e vada bene per tutti”. Con queste parole Giorgio Perinetti, indimenticato ex direttore sportivo biancorosso, ha parlato di come sta vivendo il momento attuale. Intervenuto ai microfoni della nostra redazione, Re Giorgio ha commentato il cammino avuto dal Bari fin qui: “Il Bari sta facendo un buon campionato, ma purtroppo ha trovato la sorpresa come sempre succede nel calcio, dove nulla è scontato. Non è mai facile vincere anche se spendi, i galletti si sono attrezzati però hanno trovato una Reggina che ha veramente fatto un percorso straordinario. Adesso non so se questo campionato si concluderà o meno, e soprattutto in che modalità. Per come sono concepiti, sappiamo che i play-off sono lunghi. Richiedono molto tempo e fortuna, con ben 28 squadre che si contendono soltanto un posto”.

Sulla possibilità di promuovere in serie B anche le seconde classificate dei tre gironi… “È un’ipotesi un po’ avventurosa, tra l’altro non sappiamo come saranno composte alla ripresa le varie categorie. Nell’ambito della ristrutturazione dei campionati, ci sono tante situazioni da valutare nel complesso. Bisogna poi vedere chi ha la forza di iscriversi e questo andrà considerato. Chiaro che il Bari ha una potenza economica, struttura e società davvero importanti. Se ci sarà uno spazio, sicuramente i biancorossi dovrebbero approfittarne. Però mi sembra ancora tutto prematuro”.

Nelle ultime ore, l’ex Ventola si è lamentato di non esser riuscito a rivestire la maglia biancorossa per colpa di Perinetti. La risposta del direttore romano ha smentito questo aneddoto: “Io non mi ricordo proprio di questa faccenda. Non ho mai avuto una trattativa o una proposta per Ventola, non so neanche a che stagione si riferisca. A me non è stata mai portata sul tavolo alcuna cosa seria che riguardasse di un suo ritorno. Non l’ho mai valutato perché non mi è mai stato proposto in maniera concreta da nessuno. Un evento di cui non ho memoria e che non mi sembra sia mai stato discusso con la società. Capisco il desiderio di Ventola, ma non c’è mai stato nulla che abbia potuto far valutare questa situazione”.

Sezione: Esclusive / Data: Mar 31 marzo 2020 alle 21:00
Autore: Gabriele Bisceglie
Vedi letture
Print