Cornacchini sul banco degli imputati, si salva solo Bolzoni. Le pagelle

07.04.2019 17:30 di Mario Caprioli   Vedi letture
Cornacchini sul banco degli imputati, si salva solo Bolzoni. Le pagelle

Domenica amara per il Bari e per i suoi tifosi. I biancorossi rimediano la terza sconfitta del campionato sul neutro di Angri e vedono ridursi a otto punti il margine di vantaggio sulla Turris, ieri vincente con il Gela. Nocerina in vantaggio già dopo nove minuti grazie al destro vincente di Cardone. Nulla la reazione ospite.

Di seguito le pagelle:

MARFELLA 6 Non compie interventi degni di nota. Non responsabile sul gol subito;

BIANCHI 5 Dalla sua zona di campo parte l’azione che porta al gol di Cardone. Non convince nel ruolo di terzino;

DI CESARE 5.5 Meno brillante del solito ma è l’ultimo ad arrendersi. Prova a rendersi pericoloso in area avversaria;

CACIOLI 5 Spesso superato in velocità dagli attaccanti di casa. I suoi lanci lunghi sono preda della difesa rossonera;

QUAGLIATA 5.5 Con le sue sgroppate prova a rendersi pericoloso. Sbaglia diversi cross;

HAMLILI 5 Falloso, impreciso e privo di idee. Ad Angri il peggior Hamlili del campionato;

BOLZONI 6 Dove non c’è Hamlili, rimedia l’ex Spezia. Sufficiente per impegno e sacrificio;

FLORIANO 5.5 E’ l’unico del reparto avanzato in grado di saltare l’uomo. Poco efficace dalle parti di Feola;

PIOVANELLO 5 Giornata no, mai veramente in partita. Tanti, troppi errori;

NEGLIA 5 Tanto fumo, poco arrosto. Anche per l’ex esterno del Siena una domenica da dimenticare;

POZZEBON 5 I compagni non lo servono nel migliore dei modi ma non fa nulla per migliorare le sue ultime performances;

LIGUORI 5.5 Prova ad accendere l’attacco ma il contesto odierno non lo aiuta;

IADARESTA 5.5 Ben ingabbiato nella morsa dei difensori della Nocerina. Meno positivo rispetto alle ultime uscite;

MUTTI 6 Lanciato nella mischia a tredici minuti dal termine, non sfigura;

CORNACCHINI 4.5 Prestazione impalpabile dei suoi ragazzi. Lanci lunghi e poco altro. Il Bari, nonostante l'evidente gap tecnico con i rossoneri, chiude il match con zero tiri nello specchio della porta. Squadra mentalmente in vacanza? Al tecnico biancorosso il compito di tenerla sulla corda e chiudere quanto prima il discorso promozione.