Per il Bari si avvicina il doppio turno consecutivo in trasferta. La prima gara esterna sarà contro la Cavese, mentre nella seconda avrà spazio il big match con la Ternana. Al momento, però, la testa dei biancorossi è rivolta soltanto alla sfida con il club campano. Una partita che non si disputerà al Simonetta Lamberti di Cava de’ Tirreni, bensì sul campo neutro del Romeo Menti di Castellamare di Stabia.

Nonostante la Juve Stabia, padrona dell’impianto sportivo, giochi in cadetteria da quest’anno, per uno strano scherzo del destino Simone Simeri tornerà per la prima volta in uno stadio davvero importante per lui. L’attaccante avrà l’occasione di ricalcare quello stesso terreno di gioco che lo ha, di fatto, definitivamente promosso in serie C nella stagione 2017/18, dove realizzò ben 12 gol con la maglia delle vespe gialloblu. Per la punta napoletana quel campionato si è rivelato fondamentale per la sua carriera, prendendo poi le sembianze di una vera e propria svolta calcistica. Quelle medesime reti trovate in Campania, nell’estate successiva gli hanno permesso di ricevere la chiamata dal nuovo Bari dei De Laurentiis, con cui Simeri è risceso in serie D convinto di poter riprendere presto il volo in terza serie.

Domenica prossima, dunque, sarà certamente un momento abbastanza significativo per il numero nove biancorosso. Ed il teatro in cui andrà in scena l’incontro, per lui foriero di soddisfazioni, potrebbe regalargli quel gol che manca ormai da quattro gare. Al Menti, infatti, è già stato capace di segnare ben 7 sigilli, dove tra l’altro ha realizzato la sua prima ed unica tripletta trovata tra i professionisti, nel roboante 7-0 tra Juve Stabia ed Akragas.

A distanza di quasi due anni, adesso è il Bari di mister Vivarini a far affidamento su Simeri a Castellamare di Stabia. E nella sua Campania, dopo il gol a Caserta e la doppietta di Avellino, lui sa già come si fa.

Sezione: In Primo Piano / Data: Gio 20 febbraio 2020 alle 23:00
Autore: Gabriele Bisceglie
Vedi letture
Print