Sono i giorni delle riflessioni per il calcio. Tra incubo coronavirus e fatti di cronaca legati alle violenze fra tifosi, non son mancate nelle ultime ore apprensioni e dispiaceri. Storie delicate, tutte da verificare e monitorare, in cui - per quanto riguarda il calcio - s'intreccia pure il campo, con un Bari reduce dal pareggio con la Cavese e in procinto di tornare in campo, già domani, contro la Ternana.

CORONAVIRUS - La C ha ieri ufficializzato il rinvio di 35 gare della terza serie. Tutte sfide relative ai gironi A e B, mentre è intatta per ora l'operatività del girone C del Bari. Ad oggi, del resto, non risultano effetti del virus sulla parte meridionale del paese: uno scenario che tutti si augurano resti intatto, per evitare il peggioramento di una crisi del paese già piuttosto profonda. Si giocherà, dunque, regolarmente, e intensamente, con un turno infrasettimanale di mezzo e la voglia di tornare a parlare di qualcosa di più leggero.

VIOLENZA - Domenica il contatto fra tifosi del Bari e del Lecce. Contrasti che hanno fatto il giro dei giornali, anche fuori dalla Puglia. In un primo momento si era parlato di un attacco unilaterale da parte dei sostenitori biancorossi, nel corso delle ore si è fatta largo l'ipotesi di un concorso di colpe. Saranno le autorità competenti a sbrogliare una matassa che resta dolorosa, al di là delle responsabilità. Non c'è calcio, né tifo, in quello che è avvenuto. Intanto sarà vietata la trasferta dei tifosi del Bari a Terni; una misura che, probabilmente, sarà estesa ad altre gare, se non tutte, da qui a fine campionato, con le ripercussioni logiche su una squadra che potrebbe non godere del supporto dei propri tifosi nel momento finale e clou della stagione.

CAMPO - La squadra è in ritiro a Roma. Scelta non punitiva, ma premeditata: il Bari, complice il turno infrasettimanale, aveva già scelto di stabilizzarsi in una posizione intermedia fra il luogo della partita di domenica scorsa e quello di domani. Nel capoluogo laziale la squadra barese riflette sugli errori e pensa ad un'ultima occasione offerta dalla doppia sfida contro Ternana e Avellino, concomitante col tour della force della grande rivale Reggina, impegnata in match non certo facili contro Catanzaro e Monopoli. La sensazione è che da domenica prossima il Bari, acquisiti i suddetti risultati, potrà interrogarsi con fare pressoché definitivo sull'obiettivo stagionale della regular season, sperando che la porticina per il primo posto resti aperta per un blitz finale oggi difficile.

Sezione: In Primo Piano / Data: Mar 25 Febbraio 2020 alle 10:00
Autore: Davide Giangaspero
Vedi letture
Print