Il Bari guarda alle risorse alternative. Per superare la delusione della sconfitta con la Ternana, i biancorossi possono contare su alcuni calciatori che vogliono emergere dopo un inizio nascosto. E' il caso, fra gli altri, di Citro e Candellone.

La Gazzetta dello Sport parla di loro. Su Citro scrive... "Il trentunenne attaccante è partito col freno a mano tirato. In evidente ritardo di condizione, tant’è che è stato utilizzato solo in 7 spezzoni e l’ha messa dentro una volta, peraltro in seguito a un suo rigore calciato male e respinto dal portiere del Catania. Ebbene, a novembre inoltrato, un brevilineo dovrebbe aver risolto ogni problema atletico. Non resta che attenderlo alla prossima chance, e potrebbe essere domani, a patto che la panchina non gli vada stretta e non lo stia intristendo. In quel caso, il mercato è alle porte…".

Su Candellone... "È l’unico attaccante biancorosso ancora a digiuno. Sarà che Leonardo Candellone è avvezzo a giocare per i compagni, ma la nota resta stonata dopo 8 presenze (2 volte è rimasto in panchina). C’è di buono… il suo recente passato. L’ultima volta che ha fatto la C, due anni fa con il Pordenone, l’ha vinta. Segnando 14 volte".

Sezione: In Primo Piano / Data: Sab 21 novembre 2020 alle 07:00
Autore: Redazione TuttoBari
Vedi letture
Print