Nelle prossime ore dovrebbe finalmente arrivare ufficialità per l’insediamento di Ciro Polito all’interno dell’organigramma del Bari. Il dirigente campano occuperà il ruolo di direttore sportivo e si metterà subito a lavoro per programmare la prossima stagione. Tante le decisioni da prendere, dalla panchina alla rosa a disposizione, per cui è prevista una vera e propria rivoluzione.

Il nome più discusso in questa fase è quello di bomber Antenucci, che da gennaio non è più riuscito ad esprimersi ad alti livelli, risultando tra gli elementi maggiormente criticati dai supporter biancorossi, viste anche l’elevatissime aspettative. La separazione sembra ad un passo anche se non sarà facile trovare una formazione che rispecchi le garanzie motivazionali ed economiche dell’classe ’84, legato al Bari da un ulteriore anno di contratto.   

La sua partenza darebbe poi il via al toto-sostituzione, in un reparto che potrebbe essere stravolto. Il rientro di Simeri non basterebbe, servirebbe una punta di peso capace di garantire la doppia cifra ed in grado di decidere le partite prestazioni di spessore. Una missione non facile per Polito, soprattutto nel mercato attuale, sempre più complicato tra la pochezza di opportunità per via di una complicata gestione delle spese in una categoria (la C) poco ambita.

Antenucci, infatti, a Bari ha lasciato il segno come dimostrato dai numeri: 38 reti in 70 gare. Cifre pesanti e che in 2 anni risultano qualcosa di particolarmente raro. Basti pensare che nella lunga storia biancorossa solo 3 giocatori sono riusciti a fare meglio. Il più recente è stato Barreto tra il 2009 e il 2011, protagonista dell'ultima promozione in A e della successiva permanenza in massima serie con 39 segnature (incluse le due in Coppa Italia). In precedenza si era distinti Mujesan (1966-68) con 45 reti all’attivo e Scategni (1929-1931) con 41, entrambi artefici di un salto di categoria, rispettivamente trascinatori della squadra in B e A.  

Sezione: In Primo Piano / Data: Mar 08 giugno 2021 alle 16:00
Autore: Gianmaria De Candia
Vedi letture
Print