Una domenica che torna ad avere un discreto sapore di normalità per un Bari che, seppur non sarà in campo, dovrà iniziare a prestare particolare attenzione alle squadre che questa sera scenderanno sul terreno di gioco per il secondo turno dei playoff di Serie C. Perché più volte si è parlato della necessaria cura dei dettagli che servirà per permettere ai biancorossi di centrare la promozione in Serie B: ed in questo rientra anche lo studio degli avversari.

Nulla potrà essere lasciato al caso, e nella prima sfida che ci sarà fra poco più di una settimana sarà fondamentale sapere cosa aspettarsi. Specialmente in virtù del fatto che di fronte non ci saranno solamente squadre affrontate durante il campionato, ma anche formazioni provenienti da altri giorni e quindi sconosciute a Vivarini ed ai suoi calciatori.

Come direbbe ai propri figli una qualsiasi madre, per avere successo la cosa fondamentale è lo studio. E questo vale anche nel mondo calcistico, dove le partite si vincono anche e soprattutto con la tattica e la strategia. Ed anche con la testa, che sarà fondamentale in quella che sarà la settimana più difficile per la formazione biancorossa, chiamata a gestire la tensione che posta in testa a quelle squadre che non possono permettersi di sbagliare.

Studio dell'avversario e lavoro sulla testa per gestire la tensione: sono queste le due direttrici che guideranno una settimana chiave per la stagione dei biancorossi. Il tutto accompagnato dalla consapevolezza di chi sa di avere la formazione più forte delle altre: a Vivarini spetta il non semplice obiettivo di trovare il perfetto equilibrio fra questi aspetti, guidando il Bari all'agognato obiettivo.

Sezione: In Primo Piano / Data: Dom 05 luglio 2020 alle 18:30
Autore: Raffaele Digirolamo
Vedi letture
Print