Quando Edgar Cani sbarcò a Bari, l'ultimo giorno di mercato nella sessione invernale del 2013-2014, difficilmente poteva aspettarsi quegli intensi mesi che avrebbe vissuto sino al termine della stagione. Questo perché l'attaccante arrivato dal Catania, dopo una prima parte di campionato in prestito dal Carpi, giungeva in una squadra reduce dalla sconfitta di Brescia e pienamente in zona retrocessione.

La storia di quel campionato è ormai nota: dopo il fallimento societario l'unione fra squadra e città creò quell' unione che permise una clamorosa rimonta, coronata nell'ultima giornata di campionato con l'incredibile vittoria contro il Novara che ha regalato l'accesso ai play-off. Di quella partita lo stesso Cani è stato il vero e proprio eroe, con una doppietta che gli ha permesso di entrare di diritto nelle pagine nobili del calcio barese.

Nell'ultima giornata di campionato, infatti, il Bari aveva bisogno di vincere per mantenere vivo il sogno serie A, e dopo l'iniziale svantaggio portò a termine l'incredibile rimonta aperta proprio dai due gol dell'attaccante albanese. Che poche giornate prima aveva segnato la sua prima rete in maglia biancorossa, contro il Carpi.

Cani andò poi a segno anche nella semifinale dei playoff con il Latina, una marcatura di fatto inutile data l'eliminazione. Al termine del torneo lasciò Bari con un bottino di quattro gol ed un assist in diciassette partite: dopo aver terminato la sua esperienza alla Vibonese, è attualmente svincolato.

Sezione: Amarcord / Data: Mar 12 gennaio 2021 alle 11:00
Autore: Raffaele Digirolamo
Vedi letture
Print