Negli ultimi anni, per il Bari il rientro dalla sosta invernale non è mai stato facile. Ieri i biancorossi ne hanno dato un'ulteriore prova, confermando questo strano trend con il pareggio agguantato all’ultimo istante contro la Viterbese. Una ghiotta occasione per portarsi a -7 dalla Reggina capolista ma che, dopo ben quattro settimane di stop, non è stata sfruttata appieno, rosicchiando invece solo un misero punticino. Un risultato che comunque resta in linea con quelli raggiunti nelle scorse dieci stagioni dove, al rientro dopo le vacanze, i galletti hanno raccolto poche gioie con 3 sconfitte e 4 pareggi.

In serie B, nel 2017/18 il Bari andò subito sotto in casa del Cesena di mister Castori, a segno già dopo 13 minuti con Laribi, attuale obiettivo di mercato biancorosso. Pareggio che fu poi ottenuto soltanto grazie ad uno sfortunato autogol dell’ex Suagher, favorito da un cross di Sabelli. L’anno precedente invece fu un’autentica debacle, con i galletti che, nonostante l’esordio dei nuovi acquisti, furono sconfitti duramente dal Cittadella, vittorioso al Tombolato per 2-0.

Doppio pareggio ad occhiali per il Bari tra il 2014/15 ed il 2015/16. Alla prima di mister Camplone, ai biancorossi fu ingiustamente annullato un gol di Boateng e si dovettero accontentare di un punto con lo Spezia. Mentre in casa contro l’Entella, gli uomini di Nicola ottennero uno scialbo 0-0 al termine di una prestazione poco lucida, dove il solo neo arrivato Ebagua regalò alcuni spunti in attacco.

Completamente da dimenticare, invece, i risultati ottenuti dopo la pausa invernale nelle stagioni che vanno dal 2011/12 al 2013/14. Nell’anno della storica remuntada, il Bari perse immeritatamente al San Nicola il gemellaggio con la Reggina, che vinse grazie ad un gol di Maicon realizzato già dopo un minuto di gioco. Defendi sbagliò anche un rigore ed i galletti chiusero la gara in nove uomini, a causa delle espulsioni nel finale di Fossati e Romizi. Identica sconfitta pure nel campionato precedente, con l’Ascoli vittorioso in trasferta con la rete di Zaza. Pari davvero amaro nel primo anno di Torrente in panchina in cui il Bari, dopo esser passato sullo 0-2 con la doppietta di Caputo, fu poi raggiunto in soli due minuti dal terribile uno-due trovato dal Gubbio.

Sezione: In Primo Piano / Data: Lun 13 Gennaio 2020 alle 22:00
Autore: Gabriele Bisceglie
Vedi letture
Print