Dopo il passaggio del turno grazie al pareggio con la Ternana, è intervenuto ai microfoni di RadioBari mister Vincenzo Vivarini, che ha così commentato la prestazione dei biancorossi: “Le partite dei play-off sono così. Ho visto il finale di partita di Reggiana-Potenza, è stato lo stesso nostro finale. Sapevamo di soffrire contro una squadra di valore come la Ternana, ci ha messo in grande difficoltà alla fine. L’abbiamo preparata in modo differente, però è chiaro che quando c’è una posta in palio così alta non è facile gestire la palla. Abbiamo rotto il ghiaccio, speriamo di soffrire di meno nelle prossime sfide. Calo di tensione? Non direi, il fatto di essere in vantaggio ci ha dato tranquillità ma abbiamo smesso di giocare. Siamo stati messi alle corde soprattutto sulle fasce, potevamo fare meglio la gestione della palla. Dopo aver preso il gol abbiamo ripreso a palleggiare come dobbiamo fare. Il gol di Vantaggiato ha dato fiducia alla Ternana, però abbiamo subito solo due-tre tiri da parte sua”.

Sui problemi della ripresa“Una delle incognite era la condizione fisica-mentale dei ragazzi dopo quattro mesi di stop. Rispetto alle nostre amichevoli in famiglia c’è enorme differenza. Mi aspetto più sicurezza e tranquillità per sfruttare al meglio i singoli, si può fare di più. La compattezza del Bari è stata importante”.

Sulla Carrarese, che ha battuto la Juventus U23, il mister ha risposto: “La Juve mi aveva fatto una buona impressione, la Carrarese ha dei giocatori esperti, delle vecchie volpi. Dobbiamo essere molto bravi, ma sono sempre alla nostra portata. Cercano di giocare, hanno delle individualità importanti. È una squadra arrivata seconda in un girone diverso dal nostro. Ha un organico di livello, preparata sotto l’aspetto tattico”.

Sezione: In Primo Piano / Data: Lun 13 luglio 2020 alle 23:15
Autore: Gabriele Bisceglie
Vedi letture
Print