Domenica l'imperativo per il Bari è solo uno: vincere. La truppa biancorossa sarà di scena sul neutro del 'Menti' di Castellammare di Stabia per affrontare la Cavese. I blufoncé sono un avversario alla portata, ma da prendere con le pinze. I ragazzi di mister Campilongo infatti sono stati i primi in campionato a fermare la Reggina, ma annoverano tra le proprie vittime anche il Monopoli terzo in classifica. Per questo motivo mister Vivarini dovrà essere bravo a replicare lo spirito agguerrito con cui il Bari trionfò all'andata, in una partita senza storia.

Un girone fa i biancorossi strapazzarono la Cavese per 4-0. Ad aprire le marcature ci pensò capitan Di Cesare con un preciso colpo di testa su palla inattiva. La gara non fu mai in discussione, con Antenucci che qualche minuto dopo siglò la sua prima rete stagionale su azione in campionato permettendo al Bari di chiudere il primo tempo sul 2-0.

Nella ripresa l'andazzo non cambiò, con Costa che segnò il suo primo e unico gol stagionale con un coast to coast in contropiede. A prendersi la scena fu però Sabbione, che realizzò la rete del definitivo 4-0 da centrocampo. Il difensore, nel tentativo di spazzare, dipinse una beffarda parabola che non lasciò scampo al portiere della Cavese. 

Sezione: News / Data: Mer 19 Febbraio 2020 alle 15:00
Autore: Claudio Mele
Vedi letture
Print