Mancano meno di due giorni all’attesissima sfida contro il Foggia. Dopo le due trasferte con Virtus Francavilla e Monopoli, che avevano dato solo un assaggio ai galletti dei numerosi derby regionali presenti in questa Serie C, il derby per eccellenza non potrà che essere quello dello Zaccheria, in programma domenica prossima.

Secondo molti addetti ai lavori sarà un confronto davvero impari, almeno sulla carta. L’elevato tasso tecnico del Bari non è affatto una novità e potrebbe rivelarsi decisivo, soprattutto al cospetto dei rossoneri, ancora alla ricerca dell’identità necessaria visti i ben tre cambi in panchina. Il derby, però, è sempre un derby: una gara particolare, che fa sempre storia a sé e con i pericoli dietro l’angolo.

Purtroppo non ci saranno i tifosi - né da una parte né dall’altra -, che sono e saranno sempre i veri protagonisti di uno spettacolo del genere, degno di coreografie mozzafiato. Stavolta nessuna polemica è stata sollevata per qualche possibile divieto di trasferta, a causa di tafferugli o scontri potenziali che potrebbero scaturire da un match così sentito, perché il tutto è stato bloccato per colpa del Coronavirus.

Pur senza sostenitori sugli spalti, quello con i dauni resta un evento mai banale e da sempre avvezzo ad avvenimenti epici. Un esempio su tutti: il mancato cambio di campo deciso dall’arbitro Collina, con il gol di Ventola, appena diciannovenne, nell’1-1 finale. Sulla stessa falsariga non si può non menzionare pure la gioia al San Nicola nel derby d’Apulia del novembre 2017. A più di 20 anni di distanza dall’ultimo incrocio in Serie B, a decidere l’incontro fu il sigillo del foggiano Galano al 92’, dopo un’azione fantastica originata dalla fantasia di Brienza, ex della sfida, e dall’assist di Floro Flores.

Indizi chiari e seri che provano in modo inconfutabile l’importanza, se ce ne fosse bisogno, dell’ennesimo capitolo di questa lunga storia di odi et amo. Forse non ci saranno Bianco e Montalto, bomber già sbloccatosi con il Catania, ma il Bari ha tante frecce al proprio arco per poter dire comunque la sua. E con l’ambizione di raggiungere nuovamente il primo posto, i biancorossi dovranno osare anche in un campo da sempre ostico come quello dei satanelli.

Sezione: Focus / Data: Ven 30 ottobre 2020 alle 19:00
Autore: Gabriele Bisceglie
Vedi letture
Print