Il ruolo del portiere, si sa, nel calcio è quello più delicato. Sei pagato per parare e, alla minima sbavatura, un tuo errore può portare la squadra alla sconfitta. Il discorso non può essere diverso se si parla di Pierluigi Frattali. Il numero uno biancorosso, lunedì sera, contro la Ternana, nulla ha potuto sul fendente di Vantaggiato che ha condotto gli umbri al pari, ma ha poi sfoderato un paio d’interventi decisivi per consentire ai galletti di passare il turno.

Ed ora, per lui, che ha esperienza da vendere, arriva il momento in cui può diventare un idolo della piazza. Proprio come gli è successo, nel suo passato recente, a Parma. Con i gialloblu emiliani, infatti, l’attuale numero uno biancorosso i playoff li ha vinti, nel 2016-’17. E, proprio nel corso delle semifinali di quell’anno, ha messo la sua firma indelebile nella storia dei parmensi. La gara con il Pordenone, all’epoca, si risolse ai calci di rigore. L’estremo difensore respinse i tiri dagli undici metri di Misuraca e De Agostini, consentendo al club l’accesso alla finale, poi vinta. E l’anno dopo, da titolarissimo, ha portato la società fino alla massima serie, grazie al secondo posto finale. Sono questi risultati, che gli hanno consentito anche di esordire in A, a lasciargli un posto speciale nel cuore della tifoseria locale. 

Frattali, adesso, ha l’occasione di ripetersi, trascinando i suoi compagni a suon di prodezze verso l’agognata serie B. Il trentaquattrenne ha giocato ad alti livelli, pur con qualche incertezza, per tutta la stagione, lasciando al suo collega Marfella soltanto tre presenze. Contro i ragazzi di mister Gallo ha tenuto in piedi le speranze di un popolo intero, respingendo almeno due palloni pericolosi quando la squadra era in debito d’ossigeno. Sono queste le partite che restano nella mente dei tifosi. Pronti a portare in trionfo tutto il gruppo, se riuscirà nell’intento di riportare il Bari nelle serie nobili del calcio italiano.

Sezione: In Primo Piano / Data: Mer 15 luglio 2020 alle 19:00
Autore: Giovanni Gaudenzi
Vedi letture
Print