Tra esattamente sette giorni incomincerà il cammino playoff del Bari, impegnato nella sfida casalinga contro i cugini del Foggia. Due risultati su tre per Cianci e compagni non lasciano dormire sonni tranquilli. I rossoneri, infatti, hanno ampiamente dimostrato nel corso della stagione e soprattutto nel match di domenica col Catania di saper mettere in difficoltà chiunque. Il merito è attribuile principalmente a Marco Marchionni.

Il giovane tecnico dei satanelli è alla prima esperienza in panchina in carriera. Per lui finora anni da vice sotto l'ala di Baldini a Carrara, da cui ne ha apprezzato idee e rubato segreti. Pratica un 3-5-2 in cui la velocità e il contropiede sono armi essenziali. Ha valorizzato i giocatori migliori in rosa, come l'abile Curcio impiegato da sottopunta. Abile comunicatore, fa della forza del gruppo il suo cardine. Punterà molto sull'aspetto motivazionale. Del resto il derby non è mai una partita come le altre e lo dimostra il match dello 'Zaccheria', dove Marchionni riuscì ad imbrigliare i galletti brindando al successo grazie ad un rigore di Curcio.

Contrapposta alla gioventù di Marchionni c'è l'esperienza del veterano Auteri. Le 59 primavere del tecnico di Floridia ne fanno un guru della categoria. Auteri in carriera ne ha viste tante e sa come affrontare i momenti decisivi della stagione. Contro i rossoneri dovrebbe proporre un 3-5-2 affidandosi ai suoi fedelissimi ed alle motivazioni di ragazzi come Cianci che non vedono l'ora di scendere in campo. Anche lui amante della dialettica e del concetto di gruppo, Auteri ha davanti a sé l'occasione per riscattare una prima parte di stagione a corrente alternata. La vittoria al 'San Nicola' contro il Foggia è arrivata nell'era Carrera: anche il mister siciliano vuole prendersi la sua personale rivincita contro i rossoneri.

Sezione: In Primo Piano / Data: Mer 12 maggio 2021 alle 16:00
Autore: Claudio Mele
Vedi letture
Print