Se già non bastasse l'emergenza infortuni ad imperversare in casa Bari, a complicare ulteriormente i piani di Carrera ci ha pensato il giudice sportivo, che ha appiedato Bianco per tre giornate. Nella gara di Catania il centrocampista biancorosso, già ammonito, ha protestato veementemente contro il signor Miele per un palese fallo non fischiato ai danni di Ciofani. Il direttore di gara, incurante del fatto che Bianco fosse capitano, l'ha mandato sotto la doccia e lo stesso, in preda all'ira, ha distrutto con un calcio un vetro. 

Il comportamento di Bianco è da condannare, ma ciò che fa più storcere il naso è che questa non è la prima ingenuità che si è vista nel corso della stagione. Basta riavvolgere il nastro alla gara con la Vibonese, quando Montalto sostituito da Auteri imprecò e fu cacciato dall'arbitro. Alla fine l'ex attaccante biancorosso si prese due giornate di squalifica e saltò l'importante sfida di Palermo. Allo stesso modo Bianco sarà costretto a guardare i suoi compagni dagli spalti in un momento delicato e in piena emergenza numerica.

In totale sono arrivate 6 espulsioni in stagione, sintomo di un Bari da cartellino rosso. Oltre alle due già citate da segnalare quella di Perrotta in casa con la Ternana (altra clamorosa ingenuità visto che il difensore prese il doppio giallo per un fallo inutile a centrocampo dopo essere stato graziato precedentemente), quella di Semenzato a Teramo e i due rossi a Sabbione, in trasferta a Monopoli e in casa con la Vibonese.

Sezione: News / Data: Mer 24 febbraio 2021 alle 17:00
Autore: Claudio Mele
Vedi letture
Print