Pietro Cianci rappresenta sicuramente la più grande novità in casa Bari per questa sessione invernale di calciomercato. Il suo approdo in biancorosso è stato però un'autentica telenovela ma sbloccata grazie alla forte volonta del club e al lavoro dell'entourage del ragazzo, composto da Valeriano Narcisi e Giovanni Tateo. Per comprendere meglio tutti i retroscena dell'accordo abbiamo sentito quest'ultimo, in esclusiva ai nostri microfoni: "Trattativa complicata e tortuosa. Il ragazzo era del Teramo ma con la recompra del Sassuolo, di cui non si è voluto privare perchè crede fortemente nel giocatore. Poi il Potenza doveva rinunciare ad un calciatore che in quel momento era il capocannoniere del Girone C. Ci sono stati dei problemi, che abbiamo risolto con il prestito oneroso e l'inserimento di Romero. Il Bari lo ha tesserato per 18 mesi e girato sempre in prestito ai lucani con obbligo di riscatto in caso di salvezza. C'erano una serie di accordi da intrecciare anche perchè il Teramo ci ha chiesto di prolungare il contratto prima di mandarlo a Bari ed infine abbiamo dovuto attendere anche l'ok della Juve Stabia per Romero".

Alla fine però tutto è andato per il meglio: "E' stato molto impegnativo sia da parte nostra che per il Bari. I contatti con la dirigenza ci sono sempre stati ma essendo un accordo complicato, abbiamo dovuto lavorarci step by step, sbloccando ogni singolo tassello. Alla fine è nata la possibilità di farlo venire a Bari e coronare il suo sogno".

Parole rassicuranti sull'infortunio: "Dovrebbero essere tra i 7 e i 10 giorni di stop. Ha avuto una distrazione al tendine, non dovrebbe essere niente di che".

Tateo non ha nascosto particolare fiducia per una coppia d'attacco con Antenucci: "Per me si sposa bene, può essere una coppia perfetta. Hanno caratteristiche diverse e possono integrarsi in maniera adeguata". 

Sezione: Esclusive / Data: Lun 01 febbraio 2021 alle 13:30
Autore: Gianmaria De Candia
Vedi letture
Print