Nel corso dell'intervista rilasciata ai nostri microfoni, l'ex biancorosso Francesco Bolzoni ha commentato lo scorso campionato del Bari e si è proiettato su quello attuale: "Il Bari penso abbia fatto il campionato che doveva fare, è stata la Reggina a fare quei punti in più con un girone d'andata pazzesco. Qualche punto è pur vero che si è perso per strada, ma fa parte a mio avviso della normalità nell'arco di un campionato. Sulla finale non c'è molto da dire. Sono gare a sé, non è facile dire cosa sia successo. Quest'anno ritengo che il girone sia meno difficile: si è abbassata la media età, molte più squadre rispetto allo scorso hanno fanno minutaggio. Il Bari è un carro armato. Farà sicuramente bene e lo sta dimostrando. Sono contento per la società e i miei compagni che sono rimasti e gli auguro di fare il salto in B direttamente".

Bolzoni ha vissuto per qualche giorno il nuovo Bari targato Auteri e Romairone. A suo parere già da agosto si era partiti col piglio giusto: "Ho visto tanta serenità, su cui ha grandi meriti il mister. Auteri si è calato subito nel modo giusto nei confronti di tutti, sapendo che si veniva da una grossa delusione. Non ha addossato colpe o pesantezza, ma anzi ha dato da dubito tranquillità. Ho visto i ragazzi sereni e con la voglia di vincere quest'anno".

Sono quattro i reduci della Serie D nel Bari attuale. Oltre Davide Marfella, figurano nell'organico biancorosso Zaccaria Hamlili, Valerio Di Cesare e Simone Simeri. Queste le parole di Bolzoni sul capitano: "Valerio a livello di esperienza e bagaglio tecnico è un giocatore importante per questa squadra, e lo è sempre stato in carriera. E' normale che da capitano di una piazza così blasonata lui si senta importante, ed è un valore aggiunto. Lo sarebbe in tutte le squadre di C e in molte squadre di Serie B. Si merita tutto questo".

Parole da amico per Hamlili, che ha vissuto ciò che lo stesso Bolzoni ha passato la scorsa estate, con un diverso finale: "Ad Hamlili penso sia successa una situazione strana, che non si aspettava nessuno, soprattutto Zaccaria. Il calcio però è anche questo. Conoscendolo se gli dicono che oggi è fuori rosa e il giorno dopo gioca titolare lui dà tutto. E' un professionista in tutti sensi, è generoso, non ha remore. Sono sicuro che se chiamato in causa non deluderà".

Parole d'elogio anche per Simeri: "Simone non è partito bene l'anno scorso, un po' per qualche vicissitudine con Cornacchini, un po' per problemi suoi. Però aveva fatto già bene con la Juve Stabia l'anno prima e per questo ero sicuro che potesse far bene. Sono altrettanto sicuro che potrà far bene quest'anno appena rientra. Ha delle caratteristiche fisiche e tecniche che per il gioco di Auteri si sposano bene". 

Sezione: Esclusive / Data: Ven 30 ottobre 2020 alle 15:00
Autore: Claudio Mele
Vedi letture
Print