Mancano ormai poco più di 24 ore al ritorno in campo del Bari. In attesa della sfida contro la Ternana, valida per il 2° turno nazionale dei playoff, abbiamo sentito Michele Anaclerio. Questo il pensiero dell'ex difensore biancorosso tra il 2000 e il 2006, intercettato in esclusiva dai nostri microfoni: "Sulla carta sembra l'avversaria più dura tra le 4 possibili alternative, ma per me non è un sorteggio da disprezzare. La Ternana non è una squadra che ha ritmi alti e questo potrebbe agevolare il Bari perchè tecnicamente è la squadra più forte. Sono fiducioso, se giocano come sanno, non vedo grossi pericoli". 

Sulla possibile differenza atletica: "La Ternana è più rodata mentre il Bari non gioca da diversi mesi. Ma non ci possono essere scusanti, nemmeno l'assenza di pubblico. Il Bari ha 2 risultati su 3, di attenuanti ce ne sono poche".

Gli uomini chiave della partita: "Antenucci dovrà prendere in mano la squadra, dall'alto della sua classe ed esperienza. E' un giocatore fondamentale e lo ha dimostrato. In casa Ternana ho paura della legge degli ex, soprattutto Daniele Vantaggiato, con cui ho giocato insieme. E' da tenere sottocchio, contro il Bari ha sempre fatto parecchi gol".

Anaclerio si è poi proiettato sul futuro della competizione: "Se si dovesse superare la Ternana, ci sarebbe una tra Carrarese e JuventusU23 e penso che il Bari in finale ci arriva. I bianconeri sono una squadra ricca di giovani mentre la Carrarese è più esperta. In ogni caso i galletti sarebbero favoriti anche se saranno sfide indecifrabili perchè la mancanza di partite ufficiali, non permetterà di comprendere la reale potenza delle squadre. L'incognita a livello fisico è tutta da scoprire. Inoltre nelle gare secche molto dipende dall'impatto iniziale e poi in queste sfide serve sempre la buona sorte, è una componente che fa più del 50%".

Sezione: Esclusive / Data: Dom 12 luglio 2020 alle 13:00
Autore: Gianmaria De Candia
Vedi letture
Print