Mancano sei giorni alla prima partita ufficiale del Bari post lockdown. Sarà una gara fondamentale, da non sbagliare. Per parlare di questo e altro, è intervenuto ai nostri microfoni l'ex difensore biancorosso Rachid Neqrouz: "Seguo sempre il Bari dal Marocco. Sulla carta i biancorossi sono la squadra favorita per salire in Serie B attraverso i playoff. Non sarà facile, ogni partita è come una finale. Inoltre dopo tutta questa sosta legata al Covid-19, non si sa come i giocatori risponderanno. Fisicamente e tecnicamente il Bari è favoritissima, ma conterà molto la testa. Questo dipende dai singoli calciatori e dalla bravura del mister. Vivarini sta facendo un lavoro grandissimo e ha esperienza per far concentrare i giocatori. Se sbagli è difficile poi riprendere la partita".

Neqrouz, che ha intrapreso la carriera da allenatore, ha commentato l'operato di Vivarini e della società: "Lui è un grande allenatore. Da quando è arrivato a Bari ha cambiato la mentalità dei giocatori. Sa benissimo che in una città come Bari bisogna giocare per vincere. Con la tifoseria che c'è i calciatori hanno solo il piacere di giocare, soprattutto se consideriamo la grande società che c'è adesso. Il presidente sta facendo un grandissimo lavoro, portando a Bari tutti i migliori giocatori di categorie superiori di esperienza. Ha fatto in estate un mercato di alto livello, ma ad inizio campionato penso abbiano perso un po' troppi punti, soprattutto in casa e contro piccole squadre". 

Chiosa finale sul Bari e il suo futuro: "La squadra è fatta di tanti giocatori forti. Hamlili lo conosco, ma non è nato in Marocco. E' bravissimo, mi dispiace per gli infortuni che ha avuto che hanno penalizzato un po' la squadra. Antenucci è fantastico, può giocare tranquillamente in Serie A. Ma tutti sono forti e bravi. Per questo dipenderà dalla testa dei giocatori. Con la mentalità che c'è adesso e grazie all'affetto e alla vicinanza di Luigi De Laurentiis, che mi ricorda il compianto Matarrese, ho tantissima fiducia che saliamo. Poi sono sicuro che si costruirà una grandissima squadra e con un progetto biennale possiamo salire in Serie A, per restare per tantissimi anni. Non si può sprecare quest'occasione, anche perché l'anno prossimo ci sarebbe il derby contro il Lecce (ride,ndr)".

Sezione: Esclusive / Data: Mar 07 luglio 2020 alle 16:00
Autore: Claudio Mele
Vedi letture
Print