Intervista a Giovanni Cornacchini sulle pagine de La Gazzetta dello Sport. Il tecnico predica calma: "Non mi faccio prendere dall’ansia. Dobbiamo avere pazienza. Quando ci sarà il verdetto dell’aritmetica, festeggeremo", dice sul traguardo C ormai vicino. "Siamo partiti in ritardo rispetto agli altri ma non è mai stato un problema. Vero, a cavallo dei due gironi abbiamo accusato un lieve calo. Ma in nessuna categoria c’è una squadra che viaggia sempre a velocità sostenuta. Nei momenti critici devi essere bravo a limitare i danni. Noi ci siamo riusciti".

Sul suo futuro... "Non ci casco. Deciderà la società, a tempo debito. Sono riconoscente per la grande opportunità datami. A Bari vorrebbero venirci tutti. Con questa società e questi tifosi, in una città in cui si vive molto bene. Non mi sponsorizzo. Sono uno concreto. Per essere precisi, aggiungo che ho già allenato in Serie C. E mi è andata anche discretamente bene".

Non son mancate critiche al gioco... "Rispetto idee e opinioni di tutti. Ma ricordo che, nel tempo, restano solo i risultati. Niente altro. Noi tendiamo a verticalizzare prima possibile, potendo contare su attaccanti molto forti. Forse il mio Bari non è bello, ma è molto pratico".

Sezione: In Primo Piano / Data: Lun 11 Marzo 2019 alle 08:00
Autore: Redazione TuttoBari
Vedi letture
Print