Il presidente della FIGC, Gabriele Gravina, ospite del magazine "Riparte l'Italia", ricorda ancora una volta l'importanza del calcio per il nostro Paese, auspicando una quanto più celere ripresa dei campionati: "Se il calcio non riparte subito, ci sarà un danno irreparabile, abbiamo già perso 500 milioni di euro. Occorre difendere 100 mila lavoratori, 1,4 milioni di tesserati, 4,7 miliardi di fatturato. Ripartire vuol dire giocare. Il calcio in Italia rappresenta uno straordinario fattore sociale ed economico, un ineguagliabile generatore di entusiasmo".

Sezione: News / Data: Mer 27 maggio 2020 alle 19:30
Autore: Redazione TuttoBari
Vedi letture
Print