Tuttomercatoweb propone la Top 11 della prima giornata del Girone C di Serie C. Un biancorosso nella formazione ideale, il bomber Mirco Antenucci.

Di seguito le scelte del portale.

Riccardo Daga (Viterbese): si esalta nella ripresa su Defendi e Vantaggiato, due interventi fondamentali in rapida successione che consentono ai laziali di portare a casa un punto d’oro nonostante l’inferiorità numerica e la superiorità tecnica della Ternana.

Michele Russo (Ternana): in un pomeriggio ricco di tatticismi e povero di emozioni, le difese hanno stravinto sugli attacchi. In casa rossoverde spicca la sua ottima prestazione.

Deian Boldor (Potenza): Urso e Corapi non sono propriamente gli ultimi arrivati in questa categoria, eppure se la cava alla grande senza sbagliare un solo intervento. Fondamentale.

Abdelaye Diakite (Teramo): un baluardo insuperabile, una prestazione di altissimo livello. Bello il duello con Floriano, ne esce decisamente vincitore. Molto concreto e perfetto nel gioco aereo.

Emmauel Mbende (Viterbese): l’attacco della Ternana è forse il più completo ed esperto della Lega Pro, serviva una prova perfetta del reparto offensivo e la retroguardia laziale se l’è cavata benissimo. Lui è stato il migliore. Sempre puntuale nei raddoppi su Falletti.

Domenico Franco (V.Francavilla): un gol per cominciare al meglio l’avventura con la nuova maglia. Proprio quando il Bari sembrava in totale controllo del match, ecco la sua conclusione a fil di palo che non ha lasciato scampo a Frattali restituendo speranza ed entusiasmo. Non è bastato, ma ha esordito alla grande.

Francesco Giorno (Monopoli): ha il merito di non perdere mai la bussola, anche quando la Juve Stabia sembra padrona del campo e destinata alla vittoria. Dietro la rimonta c’è molto del suo grande lavoro a metà campo.

Giovanni Volpe (Potenza): appena 18 anni, ma già tanta personalità. La sblocca subito, con un inserimento perfetto proprio come piace a mister Somma. La rete lo galvanizza e, fino a quando regge fisicamente, è un leone a tutto campo.

Giuseppe Guadagni (Paganese): segna su rigore, ma non è la nota più importante della sua giornata. Si ritrova a battagliare contro una squadra blasonata ed esperta come il Catania, ma non gli tremano le gambe e giganteggia in tutte le zone del campo. Sta confermando il processo di crescita palesato sul finale della scorsa stagione.

Mirko Antenucci (Bari): il miracolo di Crispino su Di Cesare non è bastato, l’ex Spal si è avventato come un falco sul pallone insaccandolo per il vantaggio lampo. Dai suoi piedi passa buona parte della promozione in B dei pugliesi.

Davide Di Francesco (Teramo): neanche il tempo di entrare in campo che è già sommerso dall’abbraccio dei compagni. Splendido il tiro in diagonale che consente agli abruzzesi di archiviare la pratica Palermo.

Allenatore

Giuseppe Scienza (Monopoli): riconfermarsi non è mai semplice, ma se il buongiorno si vede dal mattino i tifosi pugliesi possono dormire sonni tranquilli. Sotto di un gol sul campo della Juve Stabia, ha saputo riorganizzare tatticamente la squadra conducendola verso l’ennesima vittoria esterna della sua gestione.

Sezione: News / Data: Mar 29 settembre 2020 alle 08:00
Autore: Redazione TuttoBari
Vedi letture
Print