Venerdì sul prato del 'San Nicola' si affronteranno Bari e Carrarese, per stabilire chi meriterà il pass per accedere alla finale dei playoff contro una tra Reggiana e Novara. Per conoscere meglio i marmiferi e avvicinarci alla gara è intervenuto ai nostri microfoni il centrocampista dei toscani Samuele Damiani.

Buongiorno Damiani. Quella di venerdì sarà la partita più importante della sua carriera?

"Sì, sicuramente. Due giorni fa era quella contro la Juventus U23, adesso passo dopo passo e dopo aver eliminato i bianconeri diventa questa contro il Bari la partità più importante della mia carriera. Vogliamo affrontarla al meglio".

Che tipo di giocatore sei e che persone sono i big Maccarone, Tavano e Baldini?

"Io nasco in un centrocampo a tre davanti alla difesa, adesso con la Carrarese giochiamo con due mediani e mi sto trovando abbastanza bene. Venendo alla Carrarese sapevo di dover giocare in questa posizione, la fiducia incondizionata di mister Baldini mi è servita e mi sta facendo crescere. Giocare con gente come Maccarone e Tavano è sicuramente bello. Io li conoscevo già da Empoli, perché vengo da quel settore giovanile. Sono ottime persone, che hanno sempre aiutato i giovani, dicendo le parole giuste al momento giusto. Baldini ha dimostrato di darmi grande fiducia fin dal primo giorno e io spero di averla ripagata".

In base alla tua posizione in campo, spetterà a te marcare Laribi. Cosa ti aspetti da un giocatore come lui?

"Lo conosco molto bene perché abbiamo fatto insieme quest'estate un mese di ritiro ad Empoli. E' un giocatore che tecnicamente fa quello che vuole. Noi ascoltiamo il mister che troverà una soluzione per tenere a bada un calciatore come lui. Penso che sia l'arma più pericolosa che ha il Bari, è un giocatore di altre categorie. Il Bari ha tutti ottimi giocatori, ma non li conosco benissimo. Laribi, conoscendolo, sarebbe quello che toglierei ai biancorossi".

Il Bari ha un po' sofferto, come prevedibile, i quattro mesi di inattività. Secondo lei, voi atleticamente in che condizione siete?

"Stiamo bene, sia a livello di gamba che mentale. Lunedì abbiamo fatto un buon primo tempo, giocando tutti molto bene. Nella ripresa è arrivato il gol della Juventus U23 su un nostro errore in fase di disimpegno e questo gli ha dato fiducia. Senza qualche demerito nostro penso che la gara sarebbe potuta chiudersi senza subire gol. Ho comunque visto molto bene la nostra squadra".

Giocare a Bari senza pubblico può essere per voi un vantaggio?

"Sicuramente. Bari è sempre stata una piazza molto calda, giocare davanti a 12-13mila spettatori è tutta un'altra cosa. Adesso noi cerchiamo di sfruttare questa occasione che si è presentata, perché il pubblico di Bari fa sempre la sua parte".

Sono virali le immagini del post partita contro la Juve nelle quali festeggiate con i vostri tifosi. Quanto ci credete alla B e quanto ci crede la piazza?

"Per noi già adesso è un traguardo grandissimo, considerando che la Carrarese storicamente non ha mai centrato la promozione né le semifinali playoff, anche se in un campionato anomalo. Adesso ben venga il Bari e sono sicuro che può succedere di tutto".

Sezione: In Primo Piano / Data: Mer 15 luglio 2020 alle 11:30
Autore: Claudio Mele
Vedi letture
Print