Mancano ormai pochissimi giorni all'apertura della sessione invernale di calciomercato (2 gennaio), momento cruciale per gli sviluppi della stagione calcistica, ed il Bari è chiamato a riorganizzare una rosa che sembrava assolutamente intoccabile per qualità ed ampiezza. Al termine della finestra estiva, infatti, i biancorossi venivano considerati come una fuoriserie per la categoria, dove l'obiettivo promozione diretta sarebbe dovuto arrivare senza particolari patemi. 

Il campo ha, invece, detto ben altro. Dieci punti di distanza da una super Reggina a causa di una partenza a rilento con Cornacchini e qualche pareggio di troppo. Avere una squadra ricca di elementi di spessore non si è rivelata una scelta così azzeccata. Mister Vivarini, fin dal suo arrivo, ha dovuto stravolgere tatticamente ed emotivamente la squadra per trovare una quadratura sia nel gioco che in fase difensiva. Organizzazione e agonismo sono elementi fondamentali per poter primeggiare a prescindere dall'elevato valore dei singoli. 

Le scelte di formazione hanno poi portato a nuove gerarchie, in cui alcuni elementi per una questione di caratteristiche ma soprattutto motivazioni, hanno reso nettamente al di sotto delle aspettative. Da punti di forza a un peso, un evento quasi paradossale ma presente in tutte le squadre, big incluse (vedi Inter nei casi Icardi e Naingolaan o la Juventus con Mandzukic). Il Bari ha così visto scomparire colpi di prima scelta come Kupisz e Ferrari, oltre al ridimensionamento, a tratti, di Costa e Scavone ed il minutaggio risicato di Folorunsho e Floriano

Nell'imminente mercato il Bari non può sbagliare. Parlare di rivoluzione è sbagliato ma una squadra che effettuerà almeno 8 operazioni, tra entrate ed uscite, deve ragionare attentamente per non ripetere errori. Serve gente pronta e capace di inserirsi rapidamente. Lo sforzo andrà concentrato nel ruolo oggi cruciale: il trequartista. Colpi alla Antenucci fanno la differenza ma bisognerà sfruttare le occasioni con un occhio all'equilibrio dello spogliatoio e a quello in campo.

Sezione: Focus / Data: Sab 28 dicembre 2019 alle 17:45
Autore: Gianmaria De Candia
Vedi letture
Print