All’improvviso, Daniele Paponi. Dopo un gol dalla panchina trovato a Messina nei primi 65 minuti disputati con il Bari, l’attaccante marchigiano ha conquistato tutti grazie ad un’altra rete, un calcio di rigore guadagnato e ad una grande prestazione in coppia con Mirco Antenucci. Giovanni Cornacchini, intercettato dai microfoni di TuttoBari.com, ha commentato il suo sorprendente esordio da titolare: “È un giocatore che sa giocare a calcio, completo, che ha tecnica e che ha intelligenza calcistica. Può fare tutto: può giocare da solo davanti, con un altro attaccante o anche con il trequartista. Può convivere con Antenucci o con tutti perché ha idee. Quindi è un acquisto che darà sicuramente una grossa mano da qui alla fine del campionato”.

Le peculiarità tecniche oltre che umane“È un ragazzo eccezionale. Le caratteristiche sono di un giocatore che sa giocare a calcio, che non è di queste categorie. Probabilmente ha fatto poco rispetto alle qualità che ha, perché ha anche il fisico e secondo me è molto bravo”.

Senza dimenticare l’apporto offerto da Walid Cheddira e Simone Simeri“Cheddira è sicuramente un acquisto determinante perché è un giocatore che ha spirito di grande sacrificio, quindi trovare un attaccante con questo spirito è fondamentale, soprattutto se uno deve reggere un altro attaccante o il trequartista, così come anche i centrocampisti che magari sono meno bravi in interdizione ma sono più bravi nella fase propositiva. Simeri si conosce, è un giocatore che se ha voglia può fare anche lui quello che gli pare”.

Cornacchini ha condiviso proprio con Paponi l’esperienza all’Ancona. Nel 2014/15, infatti, il numero 88 dei galletti collezionò 5 gol e 2 assist in 24 presenze totali con la squadra della sua città natale“Ho un ricordo ottimo. Per noi all’Ancona è stato un acquisto importante riuscire ad averlo preso, è stata una cosa assolutamente positiva. Abbiamo fatto un campionato ad alto livello, siamo arrivati sesti e Daniele ha fatto molto bene”.

Sezione: In Primo Piano / Data: Mar 23 novembre 2021 alle 20:00
Autore: Gabriele Bisceglie
vedi letture
Print