Dirigente giovane, dal grande temperamento e dal grandissimo carisma, Ciro Polito si è già reso protagonista di due stagioni in Serie B in primissimo piano. Appesi i guantoni al chiodo all’età di 37 anni, Polito è poi partito con la carriera di DS.

A Castellammare con la Juve Stabia ha costruito la squadra che nel campionato di Serie B 2019/2020 partiva ai nastri di partenza come una matricola a caccia di una salvezza complessa. Il percorso delle Vespe è stato grandioso sino all’avvento del 2020 che ha regalato un finale horror ed una retrocessione shock. Nonostante ciò Polito ha il merito di aver portato in Campania due calciatori forti e definiti dallo stesso DS come le migliori trattative in carriera: Francesco Forte e Giacomo Calò. Il primo è stato appena promosso in A con il Venezia e Polito lo ha riportato in Italia per una cifra irrisoria (20mila euro dinanzi alla richiesta iniziale di 500mila); Forte, in tutta risposta, ha messo a referto 2ì32 reti negli ultimi due anni. Calò, invece, è stato preso a 0 dalla Samp e venduto al Genoa dopo una stagione da protagonista tra regia, gol ed assist.

Il capolavoro di Polito, però, è stato registrato ad Ascoli con una salvezza tutta cuore e grinta ottenuta grazie all’avvento del dirigente napoletano e del tecnico Sottil. A gennaio Polito ha messo a referto il colpo che nei fatti ha contribuito a salvare l’Ascoli: Federico Dionisi, uomo da 100 reti in Serie B, ha sposato la causa marchigiana con una trattativa condotta da Polito, in grado di strapparlo alla foltissima concorrenza. Da registrare anche il prestito di Caligara, classe 2000 scuola juventus che si è messo in mostra nei 6 mesi nelle Marche.

Sezione: In Primo Piano / Data: Sab 29 maggio 2021 alle 19:00
Autore: Alessio D'Errico
Vedi letture
Print