Dopo il pareggio di ieri del San Nicola contro il Teramo, per il Bari il distacco dalla capolista Reggina non è mai stato così importante. Attualmente sono infatti 10 i punti di differenza tra le due squadre. Nessun discorso primo posto è completamente chiuso ma, per poter prendere maggior confidenza con l’eventuale post-season da disputare, ecco di seguito il regolamento completo dei play-off di serie C 2019/20.

Ai play-off accedono in totale 28 squadre: i club classificatisi dal secondo al decimo posto di ogni girone e, inoltre, la vincente della Coppa Italia di serie C. Nel caso in cui la vincente della Coppa Italia serie C rientri già tra le prime dieci posizioni del proprio raggruppamento, accede la seconda finalista della finale di Coppa Italia. Se però anche la seconda finalista è presente tra le prime dieci classificate nella regular season, accede ai play-off l’undicesima classificata nel girone d’appartenenza della vincente della Coppa Italia serie C.

FASE GIRONE - In questa prima fase accedono in totale 21 squadre, classificatesi nella regular season dal quarto al decimo posto. Nel primo turno si affrontano i 18 club classificatisi tra il quinto ed il decimo posto di ciascuno dei tre gironi, secondo il seguente schema: quinta contro decima, sesta contro nona, settima contro ottava. L’incontro sarà in gara unica e sul campo della miglior classificata: in caso di parità al termine dei 90 minuti passerà la squadra meglio piazzatasi nella regular season. Nel secondo turno, invece, ai 9 club vincenti del primo turno si aggiungono quelli giunti quarti in classifica. Anche in questo caso, il match sarà in gara unica e sul campo della miglior classificata (la quarta, quindi il club ammesso di diritto alla seconda fase, incontra la squadra peggiore in classifica nella regular season). Il criterio di qualificazione in caso di parità è identico al primo turno.

FASE PLAY-OFF NAZIONALE - In questa fase entrano in gioco le seconde e le terze di ciascun girone insieme alla vincitrice della Coppa Italia serie C. Le squadre totali sono quindi 13, ma soltanto 10 partecipano al primo turno (sono escluse le seconde classificate). Dal primo turno le gare diventano due per ogni fase eliminatoria (andata e ritorno) e sono designate cinque squadre “teste di serie”: le terze classificate, la vincitrice Coppa Italia serie C e la migliore classificata tra i sei club provenienti dai play-off di girone (determinata in base al piazzamento in classifica nel proprio girone e, a parità di piazzamento, in base ai punteggi ottenuti in campionato). Tramite sorteggio vengono poi designate le rispettive sfidanti delle cinque “teste di serie”, che ottengono il vantaggio di giocare la gara di ritorno in casa. Inoltre, a parità di gol complessivi prevale la squadra “testa di serie”. Al secondo turno accedono 8 squadre: le 5 qualificate dal primo turno e le 3 seconde dei rispettivi gironi. In questo caso, le “teste di serie” diventano 4: le tre seconde e la migliore squadra fra le cinque provenienti dal primo turno (sempre determinata in base al piazzamento in classifica nel proprio girone e, a parità di piazzamento, in base ai punteggi ottenuti in campionato). Dopo il sorteggio delle rispettive sfidanti e con lo stesso criterio di qualificazione del primo turno, le vincitrici accedono alla successiva Final Four.

FINAL FOUR - In quest’ultima fase le squadre si riducono a quattro. Gli abbinamenti ed il fattore campo per le due semifinali e la finale sono stabiliti tramite sorteggio integrale. In entrambi i turni sono possibili i tempi supplementari ed i calci di rigore, mentre non vale la regola dei gol in trasferta. Infine, la vincente della finale sarà decretata come l’ultima squadra promossa in serie B.

Sezione: In Primo Piano / Data: Lun 25 Novembre 2019 alle 22:00
Autore: Gabriele Bisceglie
Vedi letture
Print