Buona la prima in casa Bari. Il giorno dopo la vittoria nel derby col Francavilla, il morale della truppa di Auteri è alto. Ieri contava vincere e i galletti lo hanno fatto sapendo abbinare ottime trame offensive a sofferenza. La Serie C è un campionato molto agonistico, dove anche sul 3-0 - come successo proprio nella gara di ieri - la partita non è mai finita. Mister Auteri potrà però essere sicuramente contento della fase offensiva dei biancorossi, capaci in mezzora di annichilire l'avversario.

In questo contesto non può che spiccare Mirco Antenucci, che ha iniziato la stagione proprio come l'aveva chiusa un anno fa. E' stato lui ad aprire il tabellino dei marcatori, ma quello che colpisce è la sua intelligenza calcistica. L'ex Spal sa sempre trovarsi al posto giusto al momento giusto. Molto bene anche Tommaso D'Orazio, a tratti sontuoso. Suo il gol del raddoppio su splendido cioccolatino di Bianco e l'assist del 3-0 di Eugenio D'Ursi. Buona prova anche dell'ex Catanzaro, che oltre al gol, ha corso ininterrottamente ed è riuscito ad essere sempre pericoloso in ogni sortita offensiva.

Dopo una mezzora perfetta, i biancorossi sono leggermente calati. In 15 minuti il Francavilla ha recuperato due gol, ma nonostante un secondo tempo all'attaco non è riuscita a portare il risultato in parità. Da rivedere nel Bari alcune geometrie difensive: Valerio Di Cesare e Alessio Sabbione hanno sofferto - a tratti - le folate di Perez, Matteo Ciofani è entrato in difficoltà quando puntato da Giannotti, Cristian Andreoni non è riuscito ad esprimersi al meglio. I cambi di Simone Simeri e Leonardo Candellone non hanno sortito gli effetti sperati, con la squadra che poche volte è riuscita a salire e creare palle gol. Auteri però sa bene che il gruppo deve ancora crescere, la sofferenza di ieri potrà rivelarsi salutare.

Sezione: In Primo Piano / Data: Lun 28 settembre 2020 alle 12:00
Autore: Claudio Mele
Vedi letture
Print