Per mettere insieme l'incredibile organico che fino ad ora ha dominato il girone C di questo campionato di Serie C, la Reggina ha pescato anche alcuni calciatori che alle loro spalle hanno un passato in biancorosso. Nicola Bellomo, che forse sta vivendo una delle stagioni migliori della sua carriera per costanza di rendimento, è il più celebre. Il trequartista originario di Bari ha vissuto una doppia vita in biancorosso: la prima da autentica promessa in rampa di lancio; mentre la seconda da comprimario in cerca di riscatto. A Reggio Calabria sta trovando un sistema in grado di esaltarne gran parte dei pregi, mascherando quei limiti che fino ad ora lo hanno relegato in un limbo tra Serie B e Serie C deprimente per un giocatore con il suo talento.

Come lui anche Marco Rossi ed Enrico Guarna stanno vivendo una nuova vita calcistica in Calabria. Entrambi non hanno lasciato un segno indelebile nella storia del Bari, un po' per sfortuna e un po' per indubbi demeriti. Il primo partecipò attivamente all'annus horriblis in Serie A: arrivato come innesto in difesa per non far rimpiangere i partenti Bonucci e Ranocchia, Rossi non mostrò mai le stimmate del leader, affondando insieme al resto della squadra.

Guarna ha invece patito la convivenza con Alessandro Micai: in due anni di Serie B ha messo insieme 40 presenze su 84, in cui ha alternato buone prestazioni a serate tutt'altro che brillanti.

Merita una menzione anche Giuseppe Loiacono, prodotto delle giovanili del Bari che prima in Serie B con il Foggia e adesso nell'ambiziosa Reggina di Toscano ha trovato la sua dimensione. 

Sezione: In Primo Piano / Data: Gio 12 Dicembre 2019 alle 21:00
Autore: Giovanni Fasano
Vedi letture
Print