Non può sbagliare, il Bari. In una settimana i biancorossi si giocano quasi tutto. Rieti, Sicula Leonzio, infine Reggina: il campionato dei galletti, almeno nella direzione dell'aggancio al primo posto, si gioca qui.

Guantoni e grande carica, dunque, fin da oggi per un Bari reduce dal pareggio contro la Viterbese e che vuol tornare a correre, emettendo il primo squillo pieno del 2020. Converrà pensare poco al risultato della Reggina (impegnata non molto distante dal San Nicola, a Bisceglie, sempre alle 15): come dimostrato dallo scorso turno, è il Bari il primo nemico di se stesso. Vincere, allora, e poi pensare al resto, anche perché nove punti nelle prossime tre sfide significherebbero garantirsi almeno il -6 sui rivali calabresi.

Intanto ieri è arrivato finalmente il primo colpo della sessione invernale. Maita, già ampiamente lodato da Vivarini che ne ha promosso l'innesto, sarà utile alla causa, probabilmente già da questo pomeriggio (dall'inizio?).

Si attendono comunque altri colpi da un Bari che resta ambizioso: sarà materia dei primissimi giorni della prossima settimana, quando Scala proverà a regalare a Vivarini qualche altro aiuto di prestigio.

Sezione: In Primo Piano / Data: Dom 19 Gennaio 2020 alle 11:00
Autore: Redazione TuttoBari
Vedi letture
Print