Il Bari si sta preparando per la sfida contro l'Avellino. Obiettivo: proseguire la scia positiva e continuare a scalare posizioni. Questa mattina ai microfoni di RadioBari è intervenuto il club manager Matteo Scala: "Io vado controcorrente, noi dobbiamo avere molta pazienza. Dobbiamo sapere qual è la strada per crescere e migliorare. Non dobbiamo far sì che un risultato comprometta il nostro cammino. Il traguardo è molto difficile, sarà un miracolo al primo anno arrivare in B. La gara con l'Avellino? Personalmente la ritengo la più difficile fra le prossime tre. Si gioca su un campo incandescente, prepareranno tutte le contromosse. La gara si sposterà su un binario diverso da quello tecnico".

Su Vivarini... "Il mister sicuramente ha cambiato molto la metodologia di lavoro: c'è stato un buonissimo apprendimento da parte della squadra. Si guarda l'aspetto tattico in modo più preciso, si curano i dettagli. Io credo che questa squadra ha un potenziale più grande di quello che stiamo vedendo oggi in campo. L'esonero di Cornacchini? Il progetto è chiaro e serio: guarda molto ai rapporti umani, per me non si è sbagliato niente e tutto è stato fatto nelle giuste modalità".

Sul mercato di gennaio... "Il mister è partito con un modulo, valuterà nel tempo se si potrà fare qualcosa di diverso. Ci siamo dati appuntamento fra un mese circa: mi dirà le sue esigenze, ci saranno delle priorità. Con grande disponibilità capiremo e ci metteremo a lavorare per capire come migliorare la squadra". 

Scala conclude... "Noi partiamo ad handicap perché tutte le rivali hanno gran parte dei calciatori confermati negli anni. Il Potenza? Se la giocherà fino alla fine".

Sezione: In Primo Piano / Data: Ven 18 Ottobre 2019 alle 12:00
Autore: Redazione TuttoBari
Vedi letture
Print