Intervenuto stamani ai microfoni di RadioBari, Andrea Schiavone - ieri titolare ad Avellino - ha commentato quanto avvenuto in Irpinia: "Sapevamo di affrontare una squadra che stava affrontando delle difficoltà, ma quando si cambia allenatore si alza sempre la concentrazione, non era facile. Credo che la squadra sia stata messa bene in campo, abbia subito poco perché onestamente a parte i due gol non abbiamo subito grosse cose. Chiaro, c'è rammarico per come si era messa, bisognava portare la vittoria".

Schiavone parla dell'atmosfera di ieri... "Inizialmente credo fosse più complicato per l'Avellino: c'era un po' di contestazione. E' un campo difficile a livello di terreno perché è un sintetico un po' strano e non è stato semplice fare il calcio che ci piace; poi lo stadio si è acceso, quindi il clima è stato ostico. Però noi siamo il Bari e siamo abituati a queste cose".

"Una volta che siam riusciti a ribaltare la partita bisognava sicuramente alzare l'attenzione e cercare di portare a casa i tre punti - prosegue Schiavone - c'è rammarico. Sicuramente nelle prossime partite cercheremo di aumentare l'attenzione".

Sulla sua condizione, Schiavone commenta: "Ho avuto un inizio di stagione un po' complicato, qualche problema. Ora sto bene, spero di trovare continuità nelle prestazioni e di migliorare: solo la partita ti dà ritmo e spazi. Sono al 70-80 per cento: devo metter dentro ancora qualcosa".

Schiavone parla della sua carriera... "Forse effettivamente anche io mi aspettavo qualcosa di più da me stesso. A volte le cose non vanno come si spera. Devo dire che in questi anni a volte mi son trovato in situazioni non facili, ho attraversato dei fallimenti societari. Non puoi farci nulla e sei costretto a ricominciare da zero. L'anno scorso abbiamo cambiato tre allenatori, poi c'è stato quel discorso finale ai limiti dell'assurdo con noi che siamo stati costretti a giocare i play-out venti giorni dopo la data che era stata prefissata".

Sui gol e la sua abilità sul tiro da fuori... "Mi sta mancando in questo periodo. A volte così si possono risolvere le partite, devo ritrovare questa caratteristica". Il campionato e le rivali... "Devo dire che se ci troviamo a cinque punti dalla vetta, vanno fatti i complimenti al Potenza, alla Reggina e alla Ternana perché stanno viaggiando ad un ritmo alto. Noi abbiamo avuto qualche problema all'inizio, però queste squadre stan facendo davvero bene. La gara col Catanzaro? Sappiamo di affrontare una squadra che ha un'identità di gioco precisa, quindi dobbiamo fare attenzione. Noi però stiamo bene, penso che prima di tutto dobbiamo concentrarci su noi stessi, e fare la prestazione che dobbiamo fare".

Sezione: In Primo Piano / Data: Lun 21 Ottobre 2019 alle 10:30
Autore: Redazione TuttoBari
Vedi letture
Print