Buonasera, sono un abbonato della SSC Bari. In allegato ho scritto una lettera in ricordo del grande tifoso Maurizio Pinto, recentemente deceduto per Covid19 a Turi e di cui ero grande amico, peraltro già pubblicamente celebrato da tutti voi e dalla società su vari siti e riviste. Se fosse possibile, mi farebbe piacere ricordarlo ulteriormente con questa mia. Era un grandissimo tifoso della nostra magica squadra e, mi auguro che al ritorno allo stadio (speriamo presto), possa anche trovare una piccola accoglienza da parte della curva. In allegato il mio pensiero. Grazie. 

Ciao mio amico gentile e delicato, bello scherzo mi hai fatto questa volta!!! Altri, tanti, ne ho subiti, ricambiati, condivisi, ma questo non credo potrò mai perdonartelo, o forse dovrei? E perché mai dovrei? Non è, questa volta, uno scherzo logico o che abbia un senso, così come tutte le nostre gogliardate lo sono state finora, questo proprio non lo trovo coerente, scusami ma è proprio di cattivo gusto! Cosa dici? Ora inizia il bello? Stai già divertendoti  con gli Angeli? Beh, se ti conosco bene, non ti sarà difficile riuscire anche a mettere al collo di Gesù la “nostra” sciarpa biancorossa del GRANDE BARI, o un cappellino della Ducati o di Valentino Rossi o della mitica Ferrari. Già ti vedo insieme a Lui che vi fate una foto, scusa, volevo dire un selfie, così utilizzo un linguaggio più tecnologico e moderno, come mi hai sempre invitato a fare, a me “arretrato dell’evoluzione” come mi hai sempre definito. Non credo proprio che sarà un problema per te, forse lo hai già fatto. Il vero problema sarà da parte mia non riuscire più a vederti, chiacchierare piacevolmente e disinteressatamente dei nostri interessi, delle nostre passioni e anche dei nostri problemi. Si, perché, anche quando parlavamo di quest’ultimi, si riusciva a dare insieme un senso di effimera leggerezza, quasi che fosse tutto un’illusione, e si concludeva con la solita frase ”FORZA MAGICO BARI”. Mi mancherai tanto Maurizio caro, mancherai a tutti quelli che hanno avuto la fortuna, anzi, l’onore, di averti conosciuto, anche solo per un minuto. Ogni mio percorso quotidiano avrà un tuo ricordo. Le nostre comuni passioni, i nostri sogni, continueranno come prima, più di prima, in maniera diversa, ora con eterea intensità. Tiferò allo stadio la nostra squadra anche per te, e tu, però,  salutami Gilles, Ayrton, il Sic e tutte le stelle del MAGICO  BARI, era il nostro argomento costante. Ora potrai finalmente incontrarli e sono convinto che li convincerai a farti provare le auto e le moto che abbiamo insieme sempre sognato, anche soltanto di sfiorare con un dito e a giocare a calcio indossando la maglia biancorossa, anzi potrai provare tutte le maglie di ogni anno calcistico, quelle che tu sognavi di avere in casa.  Amico mio gentile e delicato, bello scherzo che mi hai fatto. Ma a te si perdona tutto. Non posso salutarti ora, sulle pagine di un giornale, come di solito eravamo abituati a fare (pare brutto….dicevamo sempre, salutandoci silenziosamente), ma tanto tu hai capito. Ciao mio gentile e delicato Maurizio, gioca con gli Angeli e ora CAMMINA fino a non stancarti e soffrire più e... SEMPRE FORZA BARI!!!!!!!

Vittorio Pugliese

Sezione: Lettera del Tifoso / Data: Ven 27 marzo 2020 alle 18:00
Autore: Redazione TuttoBari
Vedi letture
Print