“Ci speravo più che me lo aspettavo, perché Pietro se lo merita. Ha voluto con tutte le sue forze questa operazione per tornare a giocare nel Bari. Sono felice che alla prima occasione abbia subito fatto gol, è importante per lui e per la squadra”. Con queste parole ha esordito un entusiasta Francesco Palmieri, intervistato dalla nostra redazione. L’ex attaccante biancorosso, attuale responsabile del settore giovanile del Sassuolo, ha espresso tutta la propria soddisfazione per il magico debutto di Pietro Cianci: “Ho visto tutto, pure il suo commento in dialetto barese alla fine della partita. L’ha voluto così fortemente il fatto di voler tornare in prima squadra a Bari, dove era stato da piccolo. È un po’ la vicissitudine di tanti ragazzi, che partono dalla società senza ormai avere fortuna ed invece poi si ritrovano a poter vestire la maglia della propria città. Pietro ne è un altro esempio: ha inseguito un sogno che è solamente all’inizio. Speriamo che ora prenda il verso giusto”.

Palmieri ha raccontato le caratteristiche e la grande volontà del classe ‘96: “Ho avuto modo di conoscerlo, e sono stato quello che ha insistito per farlo prendere dal Sassuolo. L’ho sentito anche stamattina, è un ragazzo bravissimo, meraviglioso e con una grande passione per il calcio: vuole fare il giocatore e ce la sta mettendo tutta. Penso che si possa togliere delle grandi soddisfazioni. È un combattente, ha delle qualità non solo caratteriali ma anche tecniche e fisiche. Spero che questo gol sia l’inizio di un percorso che possa diventare importante. Così come è combattente in campo, fuori dal campo è invece un ragazzo genuino, molto sensibile e per bene”.

Sul futuro ed il secondo posto nella classifica marcatori: “Dipende solo da lui. Certo, ha fatto 10 gol a Potenza e ieri il primo con il Bari. Ha avuto questo piccolo intoppo appena arrivato qui. Dopo l’infortunio, adesso spero solamente che stia bene e dimostri tutto il suo valore. Secondo me è uno che può fare delle reti quest’anno per poi aspirare anche a salire di categoria. Lo stiamo ancora seguendo con interesse, perché, a parte la recompra, abbiamo dato noi il consenso di poter venire in Puglia. Personalmente ero molto felice di vederlo a Bari, conosco Pietro da tanti anni ed è un ragazzo che merita. Ci teneva in maniera particolare a giocare in biancorosso”.

Sulla potenziale coppia gol in compagnia di Antenucci“Qualitativamente si sposa molto bene con Antenucci. Dipende da tante situazioni, adesso come nuovo allenatore c’è Carrera, che sicuramente sa il fatto suo e saprà come sfruttare al meglio la rosa che ha a disposizione. Di sicuro spero che il Bari si riprenda in fretta, dato che ha tutte le carte in regola per farlo. Nessuno pensava che la Ternana potesse fare un campionato così di vertice, però i galletti in questo momento devono ambire a fare qualcosa di più. Me lo auguro con tutto il cuore, anche stando lontano”.

Sezione: Esclusive / Data: Gio 18 febbraio 2021 alle 19:30
Autore: Gabriele Bisceglie
Vedi letture
Print