Cresce l'attesa in casa biancorossa in vista dell'inizio dei playoff. Per saperne di più sul momento e sulle possibilità della squadra, abbiamo sentito Luigi Anaclerio. L'ex attaccante del Bari tra il 2000 e il 2006 (106 presenze), intercettato in esclusiva dai nostri microfoni, ha mostrato grande fiducia nei confronti della formazione di mister Vivarini: "Sicuramente questi giorni sono i più importanti. Occorre effettuare una buona preparazione, ritornare a fare sacrifici. Bisogna allenarsi al meglio delle proprie possibilità e anche con entusiasmo. Non ho dubbi che il Bari sia la favorita per molti fattori come la società, l'allenatore e i calciatori".

Gli uomini chiave della squadra: "Il Bari ha il vantaggio di avere una rosa importante e ampia. Il mister ha tante possibilità per poter far male. Spero che gente come Laribi e Antenucci siano in condizione perchè loro possono fare la differenza".

Sulle possibili antagoniste: "Innanzitutto le seconde degli altri gironi come la Reggiana, che è un'ottima squadra, e il Carpi. Poi possono essere pericolose le avversarie del campionato nel Girone C, su tutte Monopoli e Ternana".

Chiosa finale sulla questione stadi, che salvo sorprese rimarranno ancora privi di pubblico. Anaclerio non ha così nascosto una certa delusione per questo tipo di decisione: "Rispetto a tutte le altre squadre il Bari in queste occasioni avrebbe fatto 20-30 mila persone, potevano essere una spinta in più. Tuttavia non riesco a capire perchè debbano stare ancora chiusi. In Puglia abbiamo un caso al giorno, perchè non dobbiamo ancora andare allo stadio? E' una cosa strana, si riaprono le discoteche e non gli stadi: c'è un controsenso. Sappiamo che al nord la situazione è un po' più delicata ma qui al sud molte città vivono con zero o un caso da settimane". 

Sezione: Esclusive / Data: Dom 28 giugno 2020 alle 13:30
Autore: Gianmaria De Candia
Vedi letture
Print