Volge al termine il 2020, segnato in casa Bari dal fallimento dell'obiettivo Serie B prima nell'inseguimento alla Reggina e successivamente nella notte di Reggio Emilia. Da allora tanto è cambiato, ma non l'impegno del presidente De Laurentiis che ha deciso di affidarsi a Gaetano Auteri, tra i migliori tecnici della Serie C. Sono passati quasi quattro mesi dal suo approdo a Bari, con un campionato arrivato al giro di boa. Qual è il bilancio del tecnico siracusano ad oggi?

Auteri ha sicuramente strappato la sufficienza. Il suo Bari è pur vero che non è in vetta alla classifica, ma insegue la Ternana a sei punti di distanza forte di numeri che attribuiscono all'armata biancorossa la terza migliore media punti della Serie C. Il gioco praticato dai galletti è offensivo, spavaldo, con una filosofia che a Bari poche volte si era vista. L'armonia creata nello spogliatoio è quella giusta. 

Tutto questo però non basta. I biancorossi sono mancati negli appuntamenti decisivi, difettando di personalità ed ambizione. Ed è questo ciò che non ha fatto scattare la scintilla tra una piazza passionale come quella barese ed Auteri. Il mister ancora non è entrato nel cuore della tifoseria. Lo scotto dello scorso anno è ancora radicato nelle menti ed il leit motiv di questa stagione, quasi analogo allo scorso anno, non ha rapito il pubblico. Ad Auteri vengono attribuite anche delle scelte di campo non congeniali. Anche alcune dichiarazioni hanno fatto storcere il naso. Un mix di argomenti che ad oggi non hanno permesso al tecnico di fare breccia nella piazza barese. Lui, che si era presentato ad agosto affermando che Bari fosse tra le migliori piazze italiane dopo le strisciate. 

Tornando al campo, qualcosa in più sicuramente si poteva fare. In molti concordano sul fatto che il calcio ammirato a Benevento, Matera, Catanzaro ancora non si è visto del tutto. Le attenuanti però sono tante. Va ricordato che questa squadra è stata in parte stravolta in estate e il classico ritiro estivo è slittato ai primi di settembre. La grana Covid ha toccato lo stesso Auteri, costretto ai box nella gara più importante del campionato. Gli infortuni, le gare una dopo l'altra hanno rallentato il processo di amalgama del gruppo.

Nel 2021 servirà, dunque, prima di tutto riconquistare la tifoseria. Vista la sicura assenza del pubblico negli stadi, la miglior medicina è quella dei risultati. Iniziare a recuperare punti dalla Ternana, migliorando le lacune osservate in questa metà di stagione, potrà avvicinare il tecnico alla tifoseria. Perché è pur vero che Bari è una piazza notoriamente con poco equilibrio, ma quando c'è da dare Bari dà. E se Auteri ed i biancorossi sapranno meritarselo, Bari darà loro il giusto tributo.

Sezione: Focus / Data: Mar 29 dicembre 2020 alle 18:00
Autore: Claudio Mele
Vedi letture
Print