Il girone d’andata del girone C di serie C sta ormai per volgere a termine. Il Bari, nella sfida di domenica prossima in casa della Casertana, porrà la parola fine alla sua prima parte di campionato. Ma per i biancorossi non sarà ancora il tempo delle vacanze, perché la testa dovrà subito essere rivolta all’ultima gara dell’anno solare, già coincidente con la partita inaugurale del girone di ritorno. Al San Nicola, infatti, solo dopo aver affrontato la Sicula Leonzio si potrà pensare alla lunga sosta di campionato, che durerà ben tre settimane.

Nei prossimi due incontri, come da prassi, l’obiettivo sarà racimolare altri sei punti prima del rompete le righe natalizio. Con la Casertana, nonostante lo stadio Pinto sia rimasto inviolato fino alla scorsa sconfitta interna contro la Paganese, gli uomini di Vivarini proveranno a compiere il loro settimo blitz esterno. Certamente non sarà semplice, perché i falchetti sono spinti dall’importante vittoria di Terni, che tanto decisiva è stata anche per il Bari in ottica terzo posto. Però, le assenze pressoché certe di Castaldo e Floro Flores potranno dare un ulteriore mano ai galletti, che dovranno fare solamente attenzione alla buona vena realizzativa dell’attaccante Starita e del centrocampista D’Angelo.

Contro la Sicula Leonzio, ora in crisi di risultati e che sarà poi reduce dalla non facile sfida contro la capolista Reggina, il Bari vorrà invece congedarsi davanti ai suoi tifosi con una vittoria. Un successo che, magari, possa anche valere il sorpasso al secondo posto, attualmente occupato dalla sorpresa Monopoli. Un modo, quindi, per chiudere al meglio possibile l’anno biancorosso, recuperare in serenità le necessarie energie e possibilmente partire da principale antagonista del club amaranto alla ripresa del campionato.

Dopodiché potrà avere inizio il mercato di riparazione, da portare avanti in contemporanea con tre importanti sfide, di cui l’ultima sarà il forse decisivo big match in casa della Reggina. Una sessione invernale che già si preannuncia ricca e scoppiettante, in cui tanti ritocchi e rinforzi dovrebbero essere effettuati dalla sempre ambiziosa società biancorossa. Dopo tre mesi di lavoro quotidiano, mister Vivarini, ormai più che conscio dei pregi e dei difetti presenti negli uomini a sua disposizione, dovrebbe aver già completato il suo studio e le sue valutazioni sulla rosa attuale. Le idee, in vista delle imminenti contrattazioni, saranno dunque chiare. Al di là del modulo scelto, Vivarini avrà sicuramente voglia di vivere da protagonista il suo primo mercato in biancorosso. Nulla sarà lasciato al caso e la spugna non dovrà di certo essere gettata prematuramente, con la proprietà barese che vorrà essere pronta ed attrezzata per qualsiasi scenario di classifica.

Sezione: Focus / Data: Gio 12 dicembre 2019 alle 19:00
Autore: Gabriele Bisceglie
Vedi letture
Print