Appare sempre più impressionante la solidità e la concretezza del Bari in trasferta. A Pagani i biancorossi hanno conquistato il secondo successo consecutivo lontano dal San Nicola, cosa già accaduta in stagione tra la prima e la terza giornata (Lentini e Rieti). Punti pesanti e che permettono a Vivarini di allungare a dieci la striscia positiva: 6 vittorie e 4 pareggi (ancora imbattuto).

Il dato più positivo riguarda però la porta inviolata. Solo ad Avellino si sono incassate reti tra le cinque partite esterne della nuova gestione tecnica. Inoltre ieri il Bari ha raggiunto la Ternana in vetta alla classifica del rendimento esterno del Girone C, a quota 17 punti.

Favorevole il bilancio contro la Paganese, tre vittorie a due per i galletti. Si tratta però della prima assoluta in trasferta, terreno su cui il Bari aveva perso nelle precedenti occasioni (1976 e 1977, sempre in C). 

Mirco Antenucci si conferma, invece, l’autentico trascinatore offensivo della squadra: 10 reti in campionato sulle 24 totali. Il salto di qualità è arrivato proprio nel recente periodo: 5 marcature realizzate nelle ultime 5 (a secco solo a Catania). In carriera non era mai arrivato così presto in doppia cifra (il miglior risultato risaliva al gennaio 2010 con l’Ascoli). Quello di ieri non è stato però il primo gol stagionale ai danni della Paganese, a cui aveva già realizzato una doppietta in Coppa Italia C.

Capitan Di Cesare, infine, con l'apparizione numero 101 entra nella top 100 della storia biancorossa (ora è il 99esimo, superati Micai e Cavasin) mentre Simone Simeri è a sole due presenze dalla 50esima con la maglia del Bari.  

Sezione: Focus / Data: Lun 18 Novembre 2019 alle 07:00
Autore: Gianmaria De Candia
Vedi letture
Print