Dopo due derby pugliesi conclusi senza la gioia della vittoria, il Bari ha potuto finalmente festeggiare nella trasferta di Bisceglie. Merito soprattutto del bomber Mirco Antenucci, autentico mattatore con una doppietta nel rotondo 3-0 rifilato ai nerazzurrostellati. Adesso l’ex SPAL, con le due reti trovate allo stadio Ventura, ha già superato la doppia cifra - da sempre traguardo minimo per un attaccante - grazie ai suoi 11 sigilli realizzati in appena 15 gare da biancorosso.

A tre mesi esatti dalla doppietta all’esordio contro la Paganese in Coppa Italia di serie C, Antenucci ha riproposto per la seconda volta in stagione il suo personale bis. Quella di Bisceglie è stata una prestazione davvero maiuscola, soprattutto sul piano della concretezza e dell’affiatamento con i compagni di reparto. Da centravanti vero, si è mostrato ancora una volta infallibile e freddo su calcio di rigore (quinto penalty da lui trasformato), nonostante il portiere avversario avesse intuito il giusto angolo. Poi, dopo appena un minuto dalla ripresa del gioco, quasi ubriacato dal gol del vantaggio, Antenucci è andato subito vicino alla sua seconda rete con un pericoloso destro al volo che avrebbe meritato ben altra fortuna. Esultanza, però, solamente rimandata di qualche giro di lancette. Si è rivelato bellissimo, infatti, il suo attacco alla profondità e la sua combinazione, ben orchestrata con il supporto di Hamlili, che gli ha permesso di trafiggere il portiere avversario in area con un preciso piattone.

“Io sono stato sempre presente, se qualcuno si aspettava che facessi tre gol a partita si sbagliava perché non li fa nemmeno Ronaldo”, queste sono state le sue parole al termine del match. Non sarà ovviamente Ronaldo, ma domenica scorsa la sua presenza in avanti si è sentita eccome. Ed ora Antenucci, attualmente vicecapocannoniere del girone C, avrà certamente voglia di alzare l’asticella e puntare a quelle 12 reti realizzate da Corazza della Reggina. Cercando soprattutto di prendere per mano il Bari e di trascinarlo, a suon di gol di categoria superiore, verso quel complicato obiettivo promozione, traguardo ben più importante della classifica marcatori.

Sezione: In Primo Piano / Data: Mar 12 Novembre 2019 alle 10:00
Autore: Gabriele Bisceglie
Vedi letture
Print