Intervistato da TeleBari al termine della partita con il Trastevere, il tecnico biancorosso Gaetano Auteri ha detto la sua sulla gara: "Sono importanti le giuste letture degli impegni, questa era una sfida ufficiale contro una squadra meno forte di noi, ma abbiamo fatto cose molto buone anche se con diversi errori, ma questo è normale. Abbiamo messo in pratica concetti su cui lavoriamo da un po', sono contento dei progressi di Simeri che ritengo molto adatto a quello che vogliamo fare noi. Il nostro atteggiamento non deve cambiare, dobbiamo lavorare sui difetti ed aumentare intensità e ritmi".

Auteri continua: "Ora abbiamo l'esordio in campionato contro un avversario ostico (contro la Virtus Francavilla, ndr), in parte abbiamo già lavorato su questo, ci faremo trovare pronti. Ora dobbiamo proseguire da squadra. Se giochiamo con tre punte e vogliamo costruire gioco non si può andare sempre in ampiezza: gli attaccanti vanno serviti. Ora non c'è la massima condizione, quindi non siamo riusciti a verticalizzare, ma è abbastanza normale".

Sullo sciopero indetto dall'Associazione Calciatori: "Attraverso questa normativa che prevede venti giocatori in rosa si perdono posti di lavoro, invece di arrivare a questi mezzi estremi si sarebbe dovuto trovare un punto d'incontro. La scelta della Lega è irrazionale, questo campionato ha impegni ravvicinati, ridurre il numero dei giocatori mi sembra folle: qualcuno però ha deciso".

Auteri parla di Antenucci: "Lui sa giocare a calcio ed ha movimenti perfetti per quello che facciamo, così come Simeri e tutti quelli che sono arrivati".

Il tecnico chiude commentando l'impatto con il San Nicola: "Vederlo vuoto è stato triste, noi abbiamo bisogno dei tifosi".

Sezione: In Primo Piano / Data: Mer 23 settembre 2020 alle 20:00
Autore: Raffaele Digirolamo
Vedi letture
Print