Salgono a 2514 i casi di Coronavirus registrati in Puglia, dopo i 2444 di ieri. A renderlo noto è il Presidente della Regione Emiliano che, sulla base delle informazioni del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, ha comunicato che oggi sono stati effettuati 1090 test in tutta la regione, di cui 70 sono risultati positivi. 

I casi positivi sono cosi suddivisi: 27 in Provincia di Bari; 0 in Provincia Bat; 5 in Provincia di Brindisi; 30 in Provincia di Foggia; 6 in Provincia di Lecce; 2 in provincia di Taranto, su uno è da attribuire la provincia di appartenenza. Sono stati registrati oggi 14 decessi: 8 in provincia di Bari, 5 in provincia di Foggia, 1 in provincia di Brindisi.

"Finalmente sembra che si inizi a vedere una diminuzione di nuovi casi: nella curva epidemica, dopo una fase di plateau, sembra esserci una discesa, la curva tende a flettere in basso. Ma aspettiamo domani o dopodomani prima di tirare un sospiro di sollievo", ha commentato Giovanni Rezza dell'Istituto superiore di sanità (Iss) durante la quotidiana conferenza stampa alla Protezione civile, come si legge su Repubblica.

In giornata sono arrivate a Bari 50 tonnellate dalla cina di dispositivi di sicurezza (DPI): tute di protezione, occhiali protettivi, mascherine che permetteranno agli ospedali pugliesi di avere scorte per i prossimi due mesi. La Regione Puglia ha acquistato questa fornitura grazie alle relazioni di amicizia con il Governatore della Provincia del Guangdong Ma Xingrui. Il governatore pugliese Michele Emiliano ha così commentato, come si legge su Repubblica edizione Bari: "La Puglia è arrivata dove purtroppo non è arrivato lo Stato per le difficoltà che conosciamo. Sembra tutto irreale, non abbiamo più la forza di commuoverci, abbiamo solo la voglia di combattere. E' un sogno, una gioia, poter proteggere chi è in prima linea, riuscire a mettere in sicurezza migliaia di medici, infermieri, tutti coloro che sono in prima linea". 

Il Sindaco di Bari Antonio Decaro ha pubblicato un video sul proprio profilo Facebook dove rimprovera un anziano signore multato, in quanto fuori dalla propria abitazione senza un valido motivo ("sto andando a mangiare da mia figlia" le parole del signore). Decaro ha poi commentato: "Da questa mattina le Forze dell'Ordine hanno attivato i check point in alcune delle strade della città dove è stata segnalata un'eccessiva presenza di cittadini. Per ogni posto di blocco ci sono 10 agenti che controllano tutti, in auto o a piedi, indistintamente. Non possiamo rischiare di mollare ora. Mi spiace per i cittadini che sono stati multati ma dobbiamo essere inflessibili, soprattutto con le persone anziane. Io non voglio che alla fine di questa storia Bari sia una città senza nonni, non vogliamo perderli, loro sono le persone più a rischio. State a casa".

Sezione: In Primo Piano / Data: Mar 07 aprile 2020 alle 20:30
Autore: Claudio Mele
Vedi letture
Print