Ci sono partite che hanno un sapore diverso dalle altre, in cui l'atmosfera che si respira è particolare per tifo e clima. Domenica il Bari vivrà una di queste sfide in una trasferta ad Avellino fondamentale per confermare il percorso di crescita intrapreso dalla formazione di Vincenzo Vivarini, che dal suo arrivo in Puglia ha collezionato un pareggio, al debutto con il Monopoli, seguito da tre vittorie consecutive. Di fronte una squadra in crisi ma reduce da un cambio in panchina (con il mai banale Ezio Capuano che ha preso il posto dell'esonerato Ignoffo) che potrebbe scuotere gli irpini.

Sarà una trasferta delicata, per la formazione biancorossa, che al Partenio-Lombardi ha perso due volte in pochi mesi, sia nella Poule scudetto dello scorso anno che nel girone eliminatorio di Coppa Italia, in questa stagione. Quella fra Bari ed Avellino rappresenta una di queste partite diverse dal solito, per la presenza di due società simbolo nel panorama calcistico meridionale e per la lunga rivalità fra le due tifoserie. 

I biancorossi, dunque, affronteranno la sfida nella tana dei lupi, in uno stadio pronto a sostenere fino alla fine gli irpini a caccia di un riscatto dopo il deludente avvio. Un incrocio da sempre infuocato a causa della rivalità, con gli ultimi incontri che hanno spesso visto scontri frontali fra gruppi di ultras, come capitato in due occasioni nel 2014: la gara di Coppa Italia disputata ad agosto, infatti, è ricordata per uno scontro fra avellinesi e baresi, con lancio di bombe carta e seggiolini. Sempre nello stesso anno, in campionato, due supporters biancorossi lanciarono sassi e pietre contro un pullman che trasportava i rivali.

L'auspicio è che si possa assistere ad uno spettacolo sano di tifo, con le due compagini pronte a darsi battaglia in campo e sugli spalti senza fociare nella violenza. Perché la bellezza del calcio, e di queste partite speciali, sta anche in quanto accade al di fuori del rettangolo verde.

Sezione: In Primo Piano / Data: Mer 16 Ottobre 2019 alle 22:00
Autore: Raffaele Digirolamo
Vedi letture
Print