Buona la prima in campionato per il Bari. Nell’esordio stagionale in Serie C, gli uomini di mister Auteri hanno archiviato la pratica Virtus Francavilla con un rocambolesco 3-2. La gara del Giovanni Paolo II ha senza dubbio fatto emergere alcune lacune nel reparto arretrato, che hanno permesso agli avversari di bucare la difesa biancorossa per ben due volte in pochi minuti. Ha deluso capitan Di Cesare, il quale è stato protagonista in negativo dell’azione che ha scaturito il goal di Franco allo scadere del primo tempo. Male anche Simeri, per il momento sottotono e non ancora tornato nella condizione precedente all’infortunio di metà luglio

Testa adesso all’importante match di Coppa Italia con la Spal, contro la quale non basterà il Bari visto all’opera ieri pomeriggio. Gli estensi si sono dimostrati una squadra solida, sapientemente costruita e che concede ben poco ai rivali. Mercoledì al Paolo Mazza servirà una grande prova corale da parte dei galletti per raggiungere il terzo turno che manca dalla stagione 2017-2018. La Coppa nazionale potrebbe rappresentare l’occasione di misurarsi con compagini più blasonate rispetto alle attuali avversarie del girone, trasformando l’impegno infrasettimanale in un interessante banco di prova sulle reali ambizioni dei biancorossi, di certo non a loro agio in terza serie. 

Marras e compagni avranno adesso il difficile compito di confermare i favori del pronostico. Gli svarioni della difesa dovranno necessariamente diventare un brutto ricordo di inizio stagione, onde evitare spiacevoli rimonte come quella che ieri pomeriggio si stava funestamente concretizzando. L’arrivo di Semenzato difficilmente potrà rappresentare la risoluzione ai problemi del reparto arretrato, al quale urge sicurezza e attenzione. La difesa a 3 continua ad essere croce e delizia per molti allenatori del nostro paese. Anche Auteri, da sempre culture del 3-4-3, paga la mancanza di terzini in campo. I corridoi laterali sono storicamente il punto debole delle squadre dell’ex mister del Catanzaro, abituate a giocare con tre centrali. La nuova filosofia dei galletti è chiara: segnare sempre un goal in più dell’avversario. Per farlo serviranno gli uomini giusti e tanto carattere, qualità che il Bari ha dimostrato di possedere ampiamente. 

In attesa di scoprire cosa riserveranno questi ultimi giorni di mercato, la vecchia Stella del Sud è pronta a ritagliarsi un ruolo da assoluta protagonista in entrambe le competizioni.

Sezione: In Primo Piano / Data: Lun 28 settembre 2020 alle 19:00
Autore: Andrea Papaccio
Vedi letture
Print