Il punto guadagnato in extremis a Reggio Calabria ha avuto una significativa valenza per i galletti, che adesso più che mai dovranno essere in grado di tenere i piedi per terra e guardare avanti.

Nonostante il Bari abbia appena affrontato la capolista, è il mese di febbraio quello che vedrà gli impegni più estenuanti, considerati i derby e le energie che la squadra dovrà essere in grado di impiegare.

Già dalla prossima domenica, infatti, i biancorossi si troveranno ad affrontare la Virtus Francavilla allo stadio San Nicola, squadra che vive un momento di forma incredibile. I corregionali provengono da quattro risultati utili consecutivi e ora mirano alla zona playoff, senza dimenticare che la formazione brindisina è stata l’unica squadra durante tutta la stagione ad essere riuscita a strappare tre punti al Granillo di Reggio Calabria.

Il successivo impegno per il Bari sarà un ulteriore derby: questa volta a Monopoli. Trovandosi a soli tre punti di distanza dal Bari, ci si può aspettare un match più contenuto ed equilibrato come quello visto contro la Reggina. Tuttavia, Vivarini sa bene che dovrà cercare di preparare una partita più offensiva al fine di guadagnare un margine più ampio in classifica, specialmente perché si tratta di uno scontro diretto in cui i tifosi saranno significativamente partecipi.

I biancorossi torneranno al San Nicola domenica 16 Febbraio, in vista della gara contro il AZ Picerno. Probabilmente, si tratta del match più abbordabile durante tutto il mese di febbraio, ma non bisogna abbassare la guardia. La squadra della Basilicata, infatti, è in risalita, specialmente dopo le due vittorie nel 2020; dovendosi allontanare dalla zona playout, sarà costretta a giocare un match offensivo alla ricerca dei tre punti.

Il turno successivo vedrà il Bari muoversi verso la Campania per affrontare la Cavese a Cava de’ Tirreni. Anche in questo caso si tratta di una squadra in ripresa: insieme alla già citata Virtus Francavilla, è stata l’unica squadra ad aver sconfitto la capolista Reggina, uscendo dal match con un risultato netto di 3-0. Inoltre, è riuscita fino ad adesso a vincere tre incontri su quattro dall’inizio del nuovo anno senza subire nemmeno un gol.

Il mese calcistico si concluderà con il turno infrasettimanale di mercoledì 26 febbraio contro la Ternana. Il Bari dovrà affrontare due spostamenti in pochissimi giorni, anche questa volta giocando in trasferta contro quella che attualmente è la sua rivale in termini di classifica, considerata la parità di punti. A prescindere da quella che sarà la classifica tra un mese, questo è probabilmente lo scontro più difficile che i galletti dovranno affrontare, dato soprattutto il gran gioco che stanno mettendo in campo gli umbri.

La Reggina, invece, affronterà dei match ben più accessibili dei biancorossi circa l’efficienza delle squadre, eccezion fatta per la sfida contro la Ternana. La squadra calabrese non è una macchina perfetta, e la sua precarietà è già emersa, ma sarà proprio questo il periodo della stagione in cui tenterà la grande fuga.

Proprio per questo, il Bari dovrà essere focalizzato esclusivamente sul proprio percorso di qui in avanti, cercando di centellinare le energie, effettuare le giuste rotazioni in campo ed evitare intoppi fatali. Questo è il mese in cui i punti dovranno essere guadagnati con furbizia attraverso le strategie di gioco, ma a testa alta, poiché, se all’inizio del mese di marzo il Bari si dovesse ritrovare in una posizione agevole in classifica, la strada di lì in poi potrà essere considerevolmente in discesa.

Sezione: In Primo Piano / Data: Mar 28 Gennaio 2020 alle 21:00
Autore: Gabriele Ragnini
Vedi letture
Print