Dopo mesi di discussioni e colpi di scena, ieri è ufficialmente ripartita la stagione 2019/2020 di Serie C. Le prime partite hanno evidenziato una linea comune con quanto accaduto nelle altre categorie in Italia, ritmi bassi e condizioni fisiche molto lontane da quelle ottimali, sfide poco emozionanti e caratterizzate dagli episodi, solo 11 reti in 7 match. Non sono così mancate le sorprese sia nei playout, come la vittoria del Rende per 1-0 sul Picerno, compagini distanti in regular season ben 14 punti, che nella finale di Coppa Italia, vinta dalla JuventusU23 sulla Ternana.

Soprattutto quest'ultima ha ulteriormente confermato che nelle partite secche può succedere di tutto. Le fere, favorite alla vigilia, sono uscite sconfitte da una compagine ricca di giovani e che aveva concluso solo al decimo posto nel Girone A, il cui livello è considerato inferiore rispetto al raggruppamento del meridione. Una potenziale disparità non confermata però dal campo, lasciando sempre più spazio ai dubbi e alle incertezze sulla competizione alle porte, i playoff

Un ulteriore spunto di riflessione per il Bari, la principale candidata alla promozione. La compagine biancorossa, a differenza delle rivali, non può ragionare nell'ottica di un fallimento dell'obiettivo promozione, tra le elevatissime ambizioni ed investimenti della società dei De Laurentiis. Il livello qualitativo del parco giocatori a disposizione dello staff tecnico è superiore a chiunque altro ma questo potrebbe non bastare. Troppi i fattori coinvolti, che però potranno essere analizzati e perfezionati prima del ritorno in campo in programma esattamente tra 15 giorni.

Il maggiore tempo a disposizione resta così un vantaggio da non sprecare, sia per il miglioramento delle condizioni atletiche che il recupero della concentrazione e della mentalità necessaria per affrontare questo determinato tipo di partite: il countdown è entrato nel vivo ed ogni giorno può davvero fare la differenza. 

Sezione: In Primo Piano / Data: Dom 28 giugno 2020 alle 22:30
Autore: Gianmaria De Candia
Vedi letture
Print