Intervista a Pietro Maiellaro sulle pagine del Corriere del Mezzogiorno. Tema il derby: "Sarà una gara molto insidiosa per il Bari. È un derby, e quindi il pericolo è dietro l’angolo e può succedere di tutto. Il Foggia arriva da un periodo negativo e non dovrà sbagliare nulla. Non sarà semplice nemmeno per loro, visto che affrontano una delle squadre più forti della categoria. In un derby può far gol chi meno ti aspetti, quindi sarebbe anche sbagliato sbilanciarsi. Per il Foggia, la differenza potrà arrivare dalla preparazione della settimana, per curare ogni dettaglio e annullare il divario, sulla carta evidente. Dovranno essere impeccabili. Il Bari deve fare il Bari. È una squadra molto esperta e questo potrà senz’altro contare. Dovrà metterci tutta la sua qualità. Vietato sottovalutare l’avversario".

Su Auteri... "Lo conosco, ci ho giocato assieme. Non so perché non alleni in categorie superiori. Posso parlare solo bene di lui, fa la differenza in questa categoria. Ho giocato una vita nel Bari, ho allenato nelle giovanili del Foggia. È l’unico derby che non ho giocato in gare ufficiali, mi è capitato una volta sola in amichevole. Al di là di questo, io so no di Lucera, abito qui, conosco tanta gente. Non sarà facile per me, ma mi godrò la partita con tranquillità. Sarò imparziale, almeno domenica".

A domanda su chi possa segnare domenica, Maiellaro risponde: "Non è facile prevederlo. Domenica, per esempio, tra tanti ha segnato Di Cesare. Il Bari ha ha un parco giocatori notevole. Aveva bisogno di centrocampisti, ora ha colmato anche quel buco. Auteri ha solo problemi di scelta, ma meglio averne che no. Con cinque sostituzioni l’abbondanza è importante".

Sezione: In Primo Piano / Data: Ven 30 ottobre 2020 alle 07:00
Autore: Redazione TuttoBari
Vedi letture
Print